Brian Aldiss, un gentleman al Meeting di Rimini

Ci ha lasciati lo scorso anno il “grande vecchio” della fantascienza mondiale. E’ morto a 92 anni il 19 agosto 2017, a Oxford, Brian Aldiss, uno dei più importanti scrittori inglesi di SF, noto al grande pubblico soprattutto perché dal suo racconto breve, “Supertoys che durano tutta l’estate”, nel 2001 venne tratto da Steven Spielberg il film “A. I. Intelligenza artificiale”.
Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Studi su Science Fiction"

Brian Aldiss, un gentleman al Meeting di Rimini
Ci ha lasciati lo scorso anno il “grande vecchio” della fantascienza mondiale. E’ morto a 92 anni il 19 agosto 2017, a Oxford, Brian Aldiss, uno dei più importanti scrittori inglesi di SF, noto al grande pubblico soprattutto perché dal suo racconto breve, “Supertoys che durano tutta l’estate”, nel 2001 venne tratto da Steven Spielberg il film “A. I. Intelligenza artificiale”. Dare conto della personalità e della immensa produzione letteraria di Aldiss (che comprende centinaia di romanzi, racconti, poesie ed articoli) è un compito che esula dalle finalità del presente studio, che intende invece rendere omaggio ad un episodio forse poco conosciuto della avventura umana dello scrittore, ossia la sua partecipazione al Meeting di Rimini del 1983, in qualità di relatore e di esperto di SF.

“Uomini scimmie robot”
Mettendo a tema l’origine e il destino dell’uomo, era inevitabile che il Meeting di Rimini del 1983 (dal titolo “Uomini scimmie robot”) incontrasse la Fantascienza. La Tavola rotonda del 25 agosto, dal titolo: “Uomini malgrado tutto: il futuro cosa salverà dell’uomo?”, con la partecipazione di Alex Voglino, Ion Hobana, Brian Aldiss e Sergio Giuffrida, è stato sicuramente l’incontro di massa più vasto di tutti i tempi in Italia sul tema della Fantascienza. Così ne parlava Sergio Giuffrida sul “Cosmoinformatore” n.4/83:
“Un altro momento particolarmente interessante di quest’estate fantastica è stato l’Incontro con la fantascienza svoltosi giovedì 25 agosto nell’ambito dell’annuale Meeting dell’amicizia di Rimini. Organizzato a cura della W.S.F. (l’Associazione Mondiale dei Professionisti della Fantascienza), l’incontro, pur nell’esiguità del tempo concesso per la sua realizzazione, ha visto la prestigiosa partecipazione degli scrittori Brian Aldiss (peraltro attuale presidente in carica della W.S.F.) e Ion Hobana (segretario nazionale degli scrittori rumeni) mentre in rappresentanza italiana hanno parlato i critici e art director Alex Voglino e Sergio Giuffrida, insieme al filosofo Rocco Buttiglione che aveva funzione di moderatore. Particolarmente sentito l’intervento di Voglino sui molteplici rapporti tra mito, letteratura simbolica e letteratura fantastica, a cui i quasi diecimila presenti hanno tributato una lunga ovazione. Nonostante alcune perplessità l’interesse verso il mondo del fantastico non è quindi mancato, come hanno dimostrato i vari “Per continuare un incontro” seguiti nell’ambito del Meeting alla conferenza del 25 agosto”.

Nel Catalogo generale del Meeting ’83, così era stato presentato Brian Aldiss:
BRIAN ALDISS
"Tra gli autori europei di letteratura fantastica e fantascientifica, Brian Aldiss, nato in Inghilterra nel 1925, è senz'altro il più significativo per l'impegno morale e civile con cui costruisce le sue opere. Vincitore di numerosissimi premi a livello mondiale, tra cui i prestigiosi Premio Hugo e Premio Nebula, che sono l'equivalente dei Premi Oscar cinematografici, Aldiss ha pubblicato una nutritissima serie di libri; in Italia sono uscite circa novanta sue opere presso editori come Mondadori, Longanesi, Editrice Nord, Fanucci, La Tribuna, Sugarco.
Ma Aldiss, oltre ad autore, è noto a livello mondiale come critico e illuminato antologista; il suo impegno sociale, la sua continua attenzione per la condizione umana, lo hanno fatto classificare tra gli autori della "new wave", un particolare filone della fantascienza che vuole esplorare l'uomo partendo dal suo interno e quindi mettendo a fuoco tutte le problematiche della condizione umana.
Aldiss è l'attuale Presidente della World SF, l'associazione mondiale che riunisce i professionisti della fantascienza e fantastico".