Dostoevskij: una rilettura

In margine al Vangelo di Giovanni
Autore:
Kirillova, Irina
Fonte:
La nuova Europa
Vai a "Moderna"

Fra tutti i libri del Nuovo Testamento che Dostoevskij rileggeva continuamente, il più fittamente coperto di note è il Vangelo secondo Giovanni. Se ne contano almeno cinquantotto, contro le dodici del Vangelo di Matteo, le sette di Luca, e le due di Marco. Nell'Apocalisse si contano sedici sottolineature.
Non si può non vedere la chiara corrispondenza fra l'orientamento cristologico del Vangelo di Giovanni, la devozione per la figura e la persona di Cristo che Dostoevskij nutrì per tutta la vita, e il significativo numero di note al testo evangelico. Tanto più significativo, in quanto la figura di Cristo non rappresentò per Dostoevskij una figura scontata, statica, immutata. Negli anni '40, sotto l'influsso dell'"umanizzazione neocristiana" e "scientifico-antropologica" di Cristo tipica dell'utopismo, Dostoevskij cominciò a chiamarlo "ideale dell'uomo", "ideale dell'umanità".
Dopo il "mutamento di convinzioni" nella "casa di morti" in Siberia, e il complesso, travagliato ritorno alla fede, la figura di Cristo diventò per Dostoevskij il principio sostanziale e determinante del suo pensiero, sia intellettuale che estetico e spirituale. Dostoevskij definì più volte Cristo come la "verifica" di ogni affermazione, soprattutto nella sfera etico-morale, ma questo tuttavia non gli consentiva di dare per scontata la fede in Cristo-Figlio di Dio, consustanziale al Padre. La famosa lettera a Natal'ja Fonvizina venne scritta nel 1854, prima del "mutamento di convinzioni", ma esprime in modo completo e preciso i pensieri che in varia forma vennero ripetuti da Dostoevskij fino alla fine della vita. Questa lotta interiore di Dostoevskij trova la sua espressione più significativa in una frase paradossale: "...e se qualcuno mi dimostrasse che Cristo è fuori della verità, e se effettivamente risultasse che la verità è fuori di Cristo, io preferirei piuttosto restare con Cristo che con la verità". Per verità qui si intendono gli "argomenti avversi" scientifico-naturali. Le parole di Dostoevskij risultano provocatorie alla ragione, ma testimoniano la sua "conoscenza del cuore", nel senso in cui i testi patristici parlano del cuore come fonte della conoscenza e dell'unione con Dio; esse trovano una solenne conferma nelle parole di Cristo: "Io sono la verità, la via e la vita", sottolineate da Dostoevskij. Fino alla fine della sua vita Dostoevskij lottò non tanto contro l'incertezza se essere credente oppure no, quanto contro l'incapacità di credere. Nei Taccuini del 1880-81, come sappiamo, annotava: "Tutte le idee di Cristo possono essere contestate dall'intelletto umano e sembrano impossibili da realizzare... Cristo si sbagliava, è stato dimostrato... Ma io preferisco restare con l'errore, con Cristo...", ripetendo in questo modo, al termine della vita, il pensiero già espresso nel 1854 nella lettera alla Fonvizina. Dostoevskij tirava le conseguenze di questa appassionata, paradossale professione di fede nei medesimi Taccuini del 1880-81: "Non come un bambino io credo in Cristo e lo confesso, il mio osanna è passato attraverso il crogiuolo del dubbio". Nel 1854 Dostoevskij aveva detto di sé: "Sono un figlio del secolo, un figlio della miscredenza e del dubbio e - lo so - tale resterò fino alla tomba...", eppure nonostante questo egli si mantenne immutabilmente fedele al proprio amore per Cristo e non tradì mai la sua appassionata, forse addirittura estatica fede in Lui. Questa fede rimase oggetto del convincimento assoluto e supremo del suo cuore, quali che fossero gli "argomenti avversi".
Dostoevskij cominciò a fare delle annotazioni al testo evangelico fin da quando ricevette il Vangelo a Tobol'sk, da una delle mogli dei decabristi, ma queste annotazioni acquistarono frequenza e sistematicità dopo il "mutamento di convinzioni". Esse riflettono non solo il significato che i singoli versetti evangelici avevano per Dostoevskij, ma anche la viva, complessa maturazione della sua fede, l'approfondirsi della sua riflessione sulla figura di Cristo, come pure l'idea che determina la visione religiosa dei suoi romanzi: una concezione che raramente trova una concreta espressione religiosa paragonabile alla forma che assume la parola ne I fratelli Karamazov, ma che illumina di un'ansia soteriologica e redentrice la tragica condizione etico-spirituale che in essi ricorre. Quest'ansia di redenzione, che si fonda esclusivamente su Cristo come unica speranza per l'uomo di acquisire la vera vita, è paragonabile a una luce la cui fonte resti celata, ma che illumina e trasfigura una vetrata buia.
In tutto ciò che riguardava la sua vita spirituale personale, Dostoevskij si mantenne riservato e addirittura avaro di spiegazioni. Nei suoi testi egli riconosce e addirittura professa la propria fede, ma non ne discute. La lettera alla Fonvizina e le riflessioni sulla morte della prima moglie sono rare eccezioni. Tanto più preziose sono le note di Dostoevskij al Vangelo, in quanto accrescono la nostra possibilità di comprendere la visione spirituale che determina il mondo dei suoi romanzi, la sua concezione dell'uomo e del rapporto fra l'uomo e Dio.
Le annotazioni di Dostoevskij al testo del Vangelo di Giovanni possono essere suddivise nei seguenti gruppi:
la figura di Cristo, la sua figliolanza e unità col Padre;
la natura della fede e le condizioni a cui essa si acquista o si perde;
la disperazione spirituale e la condizione senza via d'uscita che subentra quando si perde la fede;
la sofferenza degli innocenti, una sofferenza redentrice;
le condizioni della resurrezione;
la teologia dell'amore (le annotazioni al Vangelo vanno prese in considerazione insieme a quelle relative al testo della Prima Lettera di Giovanni).
Nel loro complesso, le annotazioni al Vangelo e alla Lettera di Giovanni illuminano in profondità tutto l'"insegnamento" di Dostoevskij sull'uomo e sul rapporto uomo-Dio. Questi appunti costituiscono anche una testimonianza profondamente personale, una "confessione" che amplia e approfondisce la nostra comprensione della sua laconica e rara, ma immutabilmente ferma, appassionata professione di fede.

Vero Dio e vero uomo
Il maggior numero di annotazioni si riferisce alla questione della divinità di Cristo, che nel Vangelo di Giovanni viene proclamata attraverso la reiterata affermazione dell'unità del Figlio con il Padre. Dopo il "mutamento di convinzioni" Dostoevskij ha la percezione che è indispensabile affermare la divinità di Cristo. Nel suo cuore anche in precedenza aveva confessato Cristo come il Figlio di Dio: lo testimoniano le parole pronunciate qualche istante prima dell'esecuzione capitale, che sembrava ormai inevitabile. In una condizione di esaltazione quasi estatica Dostoevskij si rivolse al giacobino e ateo Spešnev, accanto a lui, e gli disse: "Noi saremo con Cristo", una frase che riecheggia le parole di Cristo crocifisso al buon ladrone: "In verità ti dico, oggi tu sarai con me nel paradiso" (Lc 23,43). La confessione di fede in Cristo Figlio di Dio si incontra raramente in Dostoevskij, ma quando la si incontra è immancabilmente colma di forza ed impeto. Cristo è "infinito miracolo", "sorgente di tutto", e nel Diario di uno scrittore del 1877 Dostoevskij proclama che "Dio è uno e non c'è un altro dio come Lui...", e che "Cristo vero Dio... è nato da Dio Padre e si è incarnato dalla Vergine Maria". Ma, come testimoniano i suoi appunti, Dostoevskij continua a sentire la necessità di "esorcizzare", "cancellare" la falsa, seducente immagine del Cristo utopico, umanizzato, visto come uomo ideale, che tanto lo avvinceva e di cui resta una traccia tutta particolare nei personaggi "positivi" di Dostoevskij. La figura del Cristo umanizzato è immancabilmente presentata separatamente da Dio Padre: non ha bisogno del Padre divino. Allo stesso modo nel pensiero utopico religioso-sociale non esiste e non può esistere il concetto di Trinità. Sottolineando ripetutamente le strofe che si riferiscono all'affermazione del rapporto di paternità e figliolanza tra Padre e Figlio, Dostoevskij riafferma insistentemente sia la divinità di Cristo, sia il mistero della sua unità col Padre. 8,19: "Voi non conoscete né me né il Padre; se conosceste me, conoscereste anche il Padre mio". 8,28: "Io non faccio nulla da me stesso, ma come mi ha insegnato il Padre, così io parlo". Il versetto 10,30 è sottolineato con forza: "Io e il Padre siamo una cosa sola". 10,36: "Ho detto: sono il Figlio di Dio". Il versetto 10,38 porta in margine un nota-bene: "Il Padre è in me e io nel Padre". Anche una serie di successive affermazioni dell'unità del Padre e del Figlio sono energicamente rimarcate, e questo gruppo di annotazioni è coronato in qualche modo dalle parole di commiato del Salvatore al versetto 16,28, segnato da un nota-bene: "Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo, e vado al Padre".

"Non essere più incredulo ma credente"

Il successivo gruppo di annotazioni evidenzia e sottolinea parole e figure che hanno un particolare significato per Dostoevskij e per la sua devozione a Cristo, oltre che per la sua fede in generale. In questi capitoli Dostoevskij segna le frasi che si riferiscono al problema di una fede incerta o vacillante. Si può osservare una certa dialettica tra i passi sottolineati nel Vangelo e la lettera alla Fonvizina, in cui ad ogni ammissione di incredulità segue un disperato De profundis, un'invocazione a Dio dal profondo. Sottolineando i versetti è come se Dostoevskij rinnovasse continuamente la propria professione di fede in Cristo. Bisogna osservare che Dostoevskij sottolinea i passi che parlano dell'acquisizione della fede attraverso una rivelazione. 2,22: "Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù". 3,12: "Se vi ho parlato di cose terrene e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo?". 3,18: "Chi crede in Lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio". Il versetto 13 del terzo capitolo introduce il tema della resurrezione: la Resurrezione di Cristo e la resurrezione dell'uomo. È caratteristica del pensiero di Dostoevskij la riflessione sulla rinascita morale e sulla resurrezione spirituale dell'uomo. Il problema della resurrezione della carne tormentava Dostoevskij, apparendogli talvolta come una tentazione nelle questioni di fede, ed egli cercava nel Vangelo una risposta autorevole. Per questo sottolinea il versetto 3,13: "Nessuno è mai salito al cielo, fuorché il Figlio dell'uomo che è disceso dal cielo".
Per temperamento religioso Dostoevskij è il Tommaso che il Vangelo ci descrive incredulo, bisognoso di prove tangibili, addirittura carnali, che Cristo sia veramente risorto. Dostoevskij con una sottolineatura in margine evidenzia il versetto 20,25: "Ma egli disse loro: se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò". Più avanti segna il versetto 29: la solenne e contrita professione di fede di Tommaso in Cristo risorto; le parole di Cristo a Tommaso sono sottolineate anche da un marcato nota-bene in margine: "Rispose Tommaso: Mio Signore e mio Dio! Gesù gli disse: Perché mi hai veduto, hai creduto: beati quelli che pur non avendo visto crederanno!".
Dostoevskij sottolinea inoltre una serie di versetti che parlano del ripudio e del venir meno della fede. In essi predominano le immagini dell'orrore e del giudizio sull'uomo infedele, che fanno eco alle immagini di male e di terrore davanti al quadro della Russia che smarrisce la fede e piomba in un deserto spirituale, con tanta forza evocate nel romanzo I demoni. 3,19-20: "E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere". Nei versetti 5,44 e 8,43 Dostoevskij evidenzia la questione che lo tormenta eternamente: "Come potete credere...?". Inoltre, le seguenti parole dell'ottavo capitolo sono sottolineate nel testo e segnate in margine con un tratto verticale e un punto esclamativo: "Perché non comprendete il mio linguaggio? Perché non potete dare ascolto alle mie parole". Dostoevskij segna anche lo sviluppo di questo pensiero nei successivi versetti 45 e 47, sottolineandone la gravità con un nota-bene in margine: "A me, invece, voi non credete, perché dico la verità"; "Chi è da Dio ascolta le parole di Dio: per questo voi non le ascoltate, perché non siete da Dio". L'inevitabile conseguenza per l'uomo che si allontana da Dio è chiaramente formulata nel versetto 8,24: "Morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che io sono, morirete nei vostri peccati". Dostoevskij sottolinea nel testo le parole: "che io sono", quasi volendo affermare in questo modo il significato eccezionale, determinante di Cristo, fuori del quale non v'è salvezza. D'altra parte la luce e la tensione a Dio di cui si parla nei versetti 3,21 e 6,45 definiscono il mondo spirituale di Zosima e Aljoša: "Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio"; "Chiunque ha udito il Padre e ha imparato da Lui, viene a me". Sottolineando il versetto 7,18 Dostoevskij sembra quasi tratteggiare il volto dell'uomo giusto e credente: "Chi parla da se stesso, cerca la propria gloria; ma chi cerca la gloria di Colui che l'ha mandato è veritiero, e in lui non c'è ingiustizia". L'intero versetto è racchiuso fra parentesi quadrate.

"Aspetto la resurrezione dei morti"

Dostoevskij sottolinea poi tutta una serie di versetti che si riferiscono alle sue riflessioni sulla resurrezione dai morti. Nelle sue note Dostoevskij evidenzia la necessità di credere appunto nella resurrezione dei morti, come ad esempio al versetto 6,54: "Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno". (Nell'epoca in cui era attirato dalle idee utopiche e partecipava al circolo Petraševskij, Dostoevskij aveva smesso di accostarsi alla Comunione. Avrebbe ripreso a comunicarsi in Siberia). Una serie di sottolineature evidenzia nettamente il tema della resurrezione della carne, in particolare i versetti 8,28 e 12,32: "Quando avrete innalzato il Figlio dell'uomo, allora saprete che Io sono...", e "Quando sarò elevato da terra, attirerò tutti a me". Il versetto 8,51, in cui si espongono le condizioni della vita eterna, è segnato in margine da un segno marcato e da un nota-bene: "In verità, in verità vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà mai la morte". Dostoevskij ritorna al medesimo tema nell'undicesimo capitolo, nel contesto del racconto della resurrezione di Lazzaro, e sottolinea alcune parole, come per esaminare e riaffermare la propria fede: 11,25 e 26 "Gesù le disse: Io sono la resurrezione e la vita; chi crede in me... non morirà in eterno. Credi tu questo?". L'ultima frase è evidenziata da tre righe all'inizio e alla fine, e l'intero versetto è segnato in margine da due nota-bene. Le sottolineature di Dostoevskij rimarcano continuamente la sua appassionata convinzione che la fede e la vita, la "vita vivente" e la vita eterna, sono organicamente, indissolubilmente legate. La vita, la vita vera è impossibile senza fede: questa è la conclusione verso cui egli camminò a lungo e tormentosamente. Le strofe citate sono tra le testimonianze più eloquenti della verità cui Dostoevskij bramava di approdare. Questo gruppo di annotazioni si conclude con il testo quasi integrale del racconto della resurrezione di Lazzaro, che sarà determinante sia nel romanzo Delitto e castigo, sia nel pensiero spirituale dello stesso Dostoevskij. Oltre alle osservazioni già fatte, è interessante notare la sottolineatura in margine alle parole: "Gli rispose Marta, la sorella del morto: Signore, già manda cattivo odore, perché è di quattro giorni" (11,39). Da una linea in margine e un nota-bene sono evidenziate le parole dei versetti 41 e 42: "Gesù allora alzò gli occhi e disse: Padre, ti ringrazio che mi hai ascoltato. Io sapevo che sempre mi dai ascolto, ma ho detto questo per la gente che mi sta attorno, perché credano che tu mi hai mandato". Dostoevskij sottolinea ancora una volta l'affermazione della divinità di Cristo e della sua unità con il Padre, che sempre lo commuove. Le annotazioni di Dostoevskij al testo del racconto della resurrezione di Lazzaro sono pienamente consonanti alla lettura ecclesiale di questo testo, che narra il miracolo forse più drammatico fra quelli operati da Cristo. La resurrezione di Lazzaro ricorda a ciascuno di noi che la nostra vocazione è la resurrezione, e che colui che ci resuscita è Cristo, Figlio di Dio. Nel romanzo Delitto e castigo la vocazione alla resurrezione si rifrange e in qualche modo si registra in termini psicologici. Raskol'nikov spiritualmente è morto, e solo un miracolo che abbia la potenza di soverchiare le leggi naturali, psicologiche, può salvarlo.
Due gruppi relativamente modesti di sottolineature evidenziano alcuni aspetti dell'insegnamento di Cristo, così come lo intende Dostoevskij. In primo luogo due temi centrali nell'opera di Dostoevskij: il tema della libertà (nella concezione ortodossa della libertà come grande e drammatico dono all'uomo) e il tema del dolore innocente. Dostoevskij segna con una riga e un nota-bene in margine il versetto 8,32: "Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi". Questa verità per Dostoevskij è Cristo. Il versetto 9,3 offre una risposta netta ma tutt'altro che facile alla domanda sul dolore innocente. Del cieco nato Cristo dice: "Né lui ha peccato, né i suoi genitori, ma è così perché si manifestassero in lui le opere di Dio". Dalle opere dello scrittore sappiamo quanto la sua ricerca su questo problema fosse tormentosa.

"Sono venuto a dare la vita..."

Altre annotazioni mettono in rilievo ancora due temi profondamente significativi: il giudizio di Cristo sul mondo e il suo insegnamento sull'amore. Verranno giudicati quanti non l'avranno accolto, e Dostoevskij segna con una doppia sottolineatura in margine e un nota-bene il versetto 9,39: "Gesù allora disse: Io sono venuto in questo mondo per giudicare, perché coloro che non vedono vedano e quelli che vedono diventino ciechi". I farisei che non sanno vedere gli chiedono: "Siamo forse ciechi anche noi?" (9,40); e "Gesù rispose loro: se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: noi vediamo, il vostro peccato rimane" (9,41). Queste ultime due strofe sono segnate da un ampio segno a forma di parentesi sui margini. Non costituiscono in qualche modo un giudizio sul Grande Inquisitore? Dostoevskij sottolinea le parole di Cristo sul Buon Pastore, ma mette in evidenza la sua figura non tanto kenotica quanto autorevole, la figura del sacerdote regale che dona la sua vita a coloro che è venuto sì a salvare, ma anche a giudicare. La figura del Buon Pastore, che rispecchia la persona e la missione di Cristo sulla terra, destava in Dostoevskij un'intensa riflessione. L'inizio del decimo capitolo porta fitte sottolineature: in primo luogo, chi è (e chi invece non è) il Buon Pastore. 10,1: "Chi non entra nel recinto delle pecore per la porta... è un ladro e un brigante". 10,2: "Chi invece entra per la porta, è il pastore delle pecore". 10,7: "Io sono la porta delle pecore". Nel versetto 8 Dostoevskij sottolinea la prima frase e segna l'intero versetto con delle parentesi sui margini: "Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti...". Nel versetto 11, sottolineato da un'ampia parentesi, appare già l'immagine della missione: "Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore". Il versetto 17, segnato in margine da una riga e da un nota-bene, sviluppa il concetto e l'immagine di missione: dare la vita per il gregge affidato è dovere e vocazione non solo del re e del sacerdote, ma per Dostoevskij è dovere e vocazione di ogni credente. Proprio per questo egli attribuisce tanta importanza al martirio del soldato che accetta torture spaventose piuttosto di abiurare alla fede cristiana. Dostoevskij non teme di affermare che il martirio è una delle strade che conducono al Regno dei Cieli. Il versetto 10,17 suona così: "Per questo il Padre mi ama: perché io offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo".
Le figure di coloro che rinnegano Cristo, sottolineate da Dostoevskij, richiamano le immagini di tenebra interiore che si incontrano ne I demoni: Nell'undicesimo capitolo i versetti 9 e 10 portano una sottolineatura e un nota-bene: "Se uno cammina di giorno, non inciampa, perché vede la luce di questo mondo; ma se invece uno cammina di notte, inciampa, perché gli manca la luce": un'immagine, questa, che si chiarisce nell'accostamento con le parole di Cristo: "Io sono la luce del mondo" (Gv 8,12).
Le note di Dostoevskij al Vangelo di Giovanni ci mostrano un'immagine di Cristo severa, possente: è il Cristo Pantocratore, il cui sguardo è rivolto all'eternità. Dostoevskij sembra aver bisogno di una parola divina autorevole, potente, che lo sostenga e incoraggi nelle sue ricerche e analisi dei destini dell'uomo moderno, sempre più smarrito e lontano dalla fede e dalla vera vita. È però necessario soffermarsi su due annotazioni che mettono in rilievo la figura del Cristo kenotico. Nel versetto 8,50 Dostoevskij sottolinea le parole: "Io non cerco la mia gloria", e nel tredicesimo capitolo segna con una riga e un nota-bene il versetto 14: "Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri".
Queste parole ci introducono all'ultimo gruppo di annotazioni, riferite all'insegnamento sull'amore: un insegnamento che definisce il concetto e il significato di redenzione e di salvezza nell'opera e nel pensiero di Dostoevskij, un insegnamento che illumina attraverso la figura di Sonja Delitto e castigo, che illumina in forme tragiche e fatali la dolente figura del principe Myškin ne L'idiota, e che ne I fratelli Karamazov, oltre a illuminare una serie di personaggi, viene anche espresso concretamente in forma di esortazioni. Una volta riordinate e completate dalle note alla Prima Lettera di san Giovanni, queste sottolineature al Vangelo di Giovanni costituiscono una vera e propria teologia dell'amore. 13,34: "Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri". I versetti 14,23-24 sono segnati da una riga in margine e da ripetuti nota-bene: "Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole"; il comandamento dell'amore ritorna ancora al versetto 15,12-13: "Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici". Nei versetti 18-20 del quindicesimo capitolo viene precisato il prezzo esigito dal mondo per la predicazione dell'amore: "Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, per questo il mondo vi odia... Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi...". Dostoevskij era perfettamente cosciente che l'adempimento fedele dei comandamenti di Cristo condannava quanti lo seguivano ad essere considerati "folli per Cristo", e spesso anche al martirio. Lo rimarca al versetto 16,33, sottolineando le ultime tre parole e aggiungendo un nota-bene: "Vi ho detto queste cose perché abbiate pace in me. Voi avrete tribolazione nel mondo, ma abbiate fiducia: io ho vinto il mondo!".
Le note alle parole sull'amore continuano fino al solenne apogeo nella Prima Lettera di san Giovanni, ai versetti 4,7-8: "Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio: chiunque ama è generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore". Dostoevskij sottolinea inoltre una serie di versetti successivi, i 19-21 e i 3-4 del quinto capitolo, che sviluppano la predicazione sull'amore richiamando all'amore fraterno tra gli uomini. Al versetto 21: "Questo è il comandamento che abbiamo da Lui: chi ama Dio, ami anche il suo fratello", Dostoevskij inserisce la particella ottativa "by" ("orsù, dunque") prima del verbo "ami", accentuando in tal modo il carattere di esortazione del versetto.