Tu credi nella vita dopo il parto?

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Ultime news"

C’è un aspetto del mondo del web che ha del fascino (ed è anche la ragione che – tanti anni fa – mi ha convinto ad entrarvi, senza timore, con quella baldanza ingenua» che caratterizza ogni cristiano): ed è la velocità con cui le cose belle si possono comunicare e propagare (purtroppo non solo quelle, ma si sa che «vincere il male col bene» è la sfida che ci lancia san paolo).
Ho trovato questo simpaticissimo apologo, che vi rilancio, invitandovi a fare lo stesso, in una ideale «catena di s. Antonio» che per diffondersi non fa leva su minacce di castighi, ma solo sul fascino della scoperta e del bene.
E sento con maggiore urgenza il desiderio di questa comunicazione, dopo avere partecipato al Convegno sul dibattito a proposito dell’«aborto post nascita», terribile eufemismo per evitare il suo vero nome: «infanticidio».
Ascoltate, allora:

Nel ventre di una donna incinta si trovavano due bebè. Uno di loro chiese all'altro:
- Tu credi nella vita dopo il parto?
- Certo. Qualcosa deve esserci dopo il parto. Forse siamo qui per prepararci a quello che saremo più tardi.
- Sciocchezze! Non c'è una vita dopo il parto. Come sarebbe quella vita?
- Non lo so, ma sicuramente... ci sarà più luce che qua. Magari cammineremo con le nostre gambe e ci ciberemo dalla bocca.
- Ma è assurdo! Camminare è impossibile. E mangiare dalla bocca? Ridicolo! Il cordone ombelicale è la via d'alimentazione... Ti dico una cosa: la vita dopo il parto è da escludere. Il cordone ombelicale è troppo corto.
- Invece io credo che debba esserci qualcosa. E forse sarà diverso da quello cui siamo abituati ad avere qui.
- Però nessuno è tornato dall'aldilà, dopo il parto. Il parto è la fine della vita. E in fin dei conti, la vita non è altro che un'angosciante esistenza nel buio che ci porta al nulla.
- Beh, io non so esattamente come sarà dopo il parto, ma sicuramente vedremmo la mamma e lei si prenderà cura di noi.
- Mamma? Tu credi nella mamma? E dove credi che sia lei ora?
- Dove? Tutta in torno a noi! E' in lei e grazie a lei che viviamo. Senza di lei tutto questo mondo non esisterebbe.
- Eppure io non ci credo! Non ho mai visto la mamma, per cui, è logico che non esista.
- Ok, ma a volte, quando siamo in silenzio, si riesce a sentirla o percepire come accarezza il nostro mondo. Sai?... Io penso che ci sia una vita reale che ci aspetta e che ora soltanto stiamo preparandoci per essa...