Un manto per l'Italia

Autore:
Samizdatonline
Fonte:
CulturaCattolica.it; Samizdatonline
Vai a "Abbiamo detto... Gli Editoriali"

Io credo che nella vita non succeda mai nulla per caso. Credo che ognuno di noi sia chiamato a dei compiti. E quando dico chiamato lo intendo letteralmente: la realtà che urla: “Ehi, tu, guarda questo e datti una mossa!”
Quando tutti noi decidiamo di muoverci è perché queste urla fanno breccia nel nostro solito stato di “sto dormendo non svegliarmi”. C’è un momento in cui tutto il nostro cinismo, tutto il nostro “non me ne frega niente”, tutti i “tanto è inutile” ci sembrano un po’ vuoti, e ci domandiamo se è proprio vero che non si possa fare nulla. E come urla la realtà?

Magari apri un libro in cui leggi come singole persone abbiano offerto la propria vita perché avvenisse qualcosa di grande. O forse ti stai chiedendo cosa puoi fare tu, in questa crisi che non passa e diventa sempre più profonda. Oppure ti ricordi di quei bellissimi quadri che rappresentano la Madonna della Misericordia, che con il suo mantello di madre copre e ripara il suo popolo.
Magari urla attraverso un blog letto per caso, di sfuggita.

Se è vero che noi possiamo fare poco in una crisi mondiale, è vero che se siamo cristiani dobbiamo credere che c’è Qualcuno che può dove noi non arriviamo. Se chiediamo con fiducia da bambini; se siamo disposti ad essere seri con la nostra richiesta. E siccome siamo uomini, spesso distratti e poco seri con noi stessi e la vita, è utile un punto fermo, una proposta che ci aiuti a capire quanto ci è chiesto.

E questa è la proposta: chiedere che il manto di Maria copra ancora questo nostro paese, perché avvenga ciò che è meglio per il suo popolo.
1- Ogni giorno recitare una preghiera. “Sotto la tua protezione…”

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,
santa Madre di Dio;
non disprezzare le suppliche
di noi che siamo nella prova,
ma liberaci da ogni pericolo,
o Vergine gloriosa e benedetta.


2- Fare un sacrificio, un’offerta personale, come richiamo alla serietà del gesto.
3- L’8 dicembre andare a Messa e recitare l’affidamento a Maria, offrendo come intenzione la salvezza del nostro paese.

Noi possiamo fare in modo di cambiare la realtà. Se cominciamo a cambiare noi. Quando siamo chiamati, rispondiamo.