Le ragazze non sono alberi - Notizie da Khartoum

Autore:
Puttinato, Padre Beppino
Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Chiesa nel mondo"

“Sono arrabbiata con te”. “Perché, tesoro?” “Ti ho incontrato per strada e non mi hai salutata.” “Vedi, sono mezzo orbo: stento a distinguere una bella ragazza da un albero”. La studentessa è andata subito a raccontare la storia alle sue amiche, che ora la chiamano Shagiara (albero).
Le ragazze al CCST (Comboni College of Science and Technology) di Khartoum sono 140, un terzo del numero totale degli studenti.
Come nell’Apocalisse, al CCST tutto procede a terzi: le ragazze sono un terzo, i Sudisti sono un terzo e i Musulmani sono un terzo.
Tra le ragazze, quelle del Darfur sono veramente povere: lo si vede anche dal loro modo di vestire, molto dimesso.
Dieci ragazze del Darfur sono totalmente esenti dalle rette e vengono spesso in ufficio a chiedere la carità.
Economia Alternativa paga le rette per quattro ragazze del Darfur, che dovrebbero completare gli studi entro il 2011.
La Fondazione Rita Levi Montalcini ha considerato favorevolmente la richiesta d’aiuto per alcune altre ragazze povere.
OPAM paga le rette a 25 studenti che si preparano a diventare maestri di religione cristiana nelle scuole.
Il Novara Center manda mensilmente un buon contributo al Fondo Studenti poveri.
Benefattori individuali non mancano; ma tante altre donazioni sono necessarie per coprire il 25% delle spese non coperto dagli studenti.

EREMITA AL CENTRO DELLA CITTÀ DI KHARTOUM

Dei 2000 studenti che riempiono le aule e i cortili del Collegio durante l’anno scolastico, soltanto alcune decine vanno e vengono in questi giorni di vacanze.
Anche i padri, che sono sei durante l’anno scolastico, sono soltanto tre in questi giorni: un anziano – il sottoscritto – e due giovani che spesso mancano ai pasti e sono fuori casa alla sera.
Quindi io faccio l’eremita, senza dover andare sul Monte Marra, nel Darfur, dove vari ex-studenti del posto mi invitano a stabilirmi, ma dove ancora non c’è pace.
Qui ho tanto tempo per pregare e per informarmi sui problemi non solo dell’Uni-verso ma anche del Pluri-verso, nel quale Papa Pio XII – a quanto mi sembra - non credeva molto.
A differenza di Port Sudan, dove i corvi non permettono l’esistenza ad altri volatili, Khartoum è piena di uccellini che al mattino presto mi svegliano con i loro gioiosi cinguettii.
E mi hanno spinto a scrivervi questi twitters (cinguettii).

Padre Beppe