Ore buche

Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Gentilissimo Prof Incampo, sono un idr della scuola primaria. Il mio orario prevede blocchi da due ore per classe. A causa del Covid e degli ingressi scaglionati mi trovo tra un blocco e l’altro un buco da 15 minuti, Le chiedo se è legittima questa cosa che comunque mi obbliga ad una presenza a scuola diverse ore in più rispetto ai colleghi. Ovviamente non me la sento di far cambiare il piano orario perché sarebbe complicato ma posso chiedere il recupero delle ore accumulate?
La ringrazio e la saluto cordialmente.

Risposta



Il comma numero 3 dell’articolo 131 intitolato “Orario di insegnamento” del Decreto Legislativo numero 297 del 16 aprile 1994 recita testualmente. “L'orario settimanale di insegnamento di ciascun docente deve essere distribuito in non meno di cinque giorni la settimana.”
Il punto 2.1 lettera a) del DPR 751 del 16.12.1985 e del DPR 202 del 13.6.1990 recita: “Il diritto di scegliere se avvalersi o non avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica assicurata dallo Stato non deve determinare alcuna forma di discriminazione, neppure in relazione ai criteri alla formazione delle classi, alla durata dell’orario scolastico e alla collocazione di detto insegnamento nel quadro orario delle lezioni”.
“La collocazione oraria di tali lezioni è effettuata dal capo di istituto sulla base delle proposte del collegio dei docenti, secondo il normale criterio di equilibrata distribuzione delle diverse discipline nella giornata e nella settimana, nell’ambito della scuola e per ciascuna classe.”
Questa è la norma che io conosco.
E come puoi leggere non si parla di ore buche, ma “di equilibrata distribuzione delle diverse discipline nella giornata e nella settimana, nell’ambito della scuola e per ciascuna classe”.