Father & sons - Il merito dei fratelli Wright

Una notizia dal Museo della Scienza di Milano (1)
Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Father & Son"
Immagine

«Gli uomini non voleranno mai perché il volo è riservato agli angeli».
Reverendo Milton Wright (padre dei fratelli Wright) (2)


Al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, all’interno di una bacheca contenente ogive ed eliche, il visitatore può leggere alcuni aforismi di pensatori e scienziati, tra cui quello qui riportato. Chi ha curato l’esposizione ha avuto un’idea brillante: ha segnalato a tutti il merito dei fratelli Wright. Incuriosito, ho consultato Wikipedia. Ed ecco che cosa ho trovato:
«Tentativi di volo con aeroplani a motore erano stati compiuti, sia pure con esiti quasi sempre disastrosi, già alcuni anni prima della loro storica impresa compiuta il 17 dicembre 1903. I fratelli Orville e Wilbur Wright riuscirono a far decollare sulla spiaggia di Kitty Hawk, nella Carolina del Nord - tenendolo in aria per quei dodici secondi che avrebbero cambiato la storia del volo [corsivo mio] - il loro aeroplano Flyer 1. (3) I Wright erano proprietari di una fabbrica di biciclette; sin dal 1896 furono affascinati dalle esperienze di studiosi che tentavano un approccio scientifico al far volare mezzi più pesanti dell'aria (…). Nella sola mattinata di quel 17 dicembre il Flyer 1 effettuò quattro voli: Orville e Wilbur si alternarono ai comandi; nei primi due voli l’aeroplano, pilotato dapprima da Orville volò per circa dodici secondi ad un'altezza di circa tre metri e ad una velocità di
7,5 km orari; dopo poco Wilbur riuscì a effettuare un volo di 59 secondi su una distanza di 266 metri». (4)
Fin qui la notizia, che peraltro non apparve subito sui giornali dell’epoca, rimanendo sconosciuta per diverso tempo. Ora il «nocciolo», alla luce della citazione riportata.
Quel primo volo a motore è da ascrivere al rapporto che i fratelli Wright intrattennero con il loro padre. Questi, pastore e vescovo metodista, era un intellettuale: possedeva infatti ben due biblioteche, una di teologia e l’altra con svariatissimi libri. Il figlio Orville scrisse di «essere stato fortunato a crescere in un ambiente in cui sia lui che il fratello venivano molto incoraggiati a coltivare interessi intellettuali e ad investigare qualsiasi cosa destasse la loro curiosità».(5)
Probabilmente lo stesso reverendo Wright nutriva l’aspirazione a volare: il suo monito circa il volo «riservato agli angeli» mi fa pensare che si sia trovato a fare i conti con la propria formazione teologica. Se fosse così, il suo sarebbe un caso di inibizione psicologica rinforzata e legittimata dalla formazione protestante. Non so come andarono le cose in casa Ford (la prima automobile con quel marchio è anch’essa del 1903), o in molte altre industrie a conduzione familiare che hanno fatto la storia del capitalismo in Europa e oltreoceano. Penso al bellissimo saggio di Max Weber, Etica protestante e spirito del capitalismo, 1904-1905.
Certo i fratelli Wright non si arrestarono all’identificazione con la figura paterna, e neanche si attardarono a contestarlo. Semplicemente presero un’altra strada, raccogliendo e portando a compimento l’ambizione del padre.
E l’aeroplano fu. Noi voliamo grazie alla loro iniziativa, volta al successo di ciò che Freud, unico nella storia della modernità, chiamò in quegli stessi anni «complesso paterno». I Wright sono stati davvero Father & Sons, in un senso assai diverso da quello del mito di Dedalo e Icaro, e opposto a quello dell’omonima e leggendaria canzone di Cat Stevens del 1970, che pure piaceva moltissimo a chi - come me - aveva allora quindici anni.
Senza quel 17 dicembre 1903 non ci sarebbero stati né Lindberg con il suo Spirit of Saint Louis, né l’Air Force One, o la United States Navy Fighter Weapons School (più nota come Top Gun) o le nostre Frecce Tricolori, ma neanche il Canadair o il Piper, né la serie televisiva Danger my job (negli anni Sessanta uno dei programmi della TV dei Ragazzi era appunto l’entusiasmante Il pericolo è il mio mestiere), o infine i voli di linea, diventati ordinari per milioni di persone.
I Wright devono avere pensato: ce n’est qu’un début.

NOTE
1 Pubblicato in: IML NEWS, settimanale di informazione dell’Istituto Medico Legale dell’Aeronautica Militare di Milano, Anno I, n. 43, 26 ottobre 2010.
2 «Men will never fly, because flying is the privilege of angels».
3 «Era il primo velivolo con propulsione asservita a catapulta ad essere costruito compiutamente e il primo a riuscire a librarsi in volo».
4 «Il Flyer 1 è custodito dal 1948 al National Air and Space Museum della Smithsonian Institution di Washington. Una targa commemorativa indica: «La prima macchina più pesante dell'aria, propulsa a motore,
con cui l'uomo abbia fatto un volo libero, pilotato e duraturo. Attraverso un'originale ricerca scientifica i fratelli Wright scoprirono i principi del volo umano; da inventori, costruttori e volatori svilupparono ancor più l'aeroplano, insegnarono all'uomo a volare e inaugurarono l'era dell'aviazione".»
5 «We were lucky enough to grow up in a home environment where there was always much encouragement to children to pursue intellectual interests; to investigate whatever aroused their curiosity».