2020 10 07 Cina, India, Pakistan: la persecuzione continua

PAKISTAN - Assolto cristiano: era stato condannato a morte per blasfemia INDIA - famiglie cristiane attaccate per il rifiuto di adorare gli idoli CINA - Cattolici sempre più molestati in vista del rinnovo dell’accordo tra Vaticano e Cina. Il PCC indaga sulle fughe di notizie sulla persecuzione religiosa
Vai a "Cristiani perseguitati. Memoria e preghiera"

IL VALORE DELLA PREGHIERA PER I NOSTRI FRATELLI PERSEGUITATI

PAKISTAN - Assolto cristiano: era stato condannato a morte per blasfemia
Finora era successo solo per Asia Bibi. L’uomo ha trascorso più di sei anni nel braccio della morte
Assolto cristiano: era stato condannato a morte per blasfemia

L’Alta Corte di giustizia di Lahore, città orientale del Pakistan, ha assolto Sawan Masih, un netturbino cristiano condannato a morte per blasfemia che ha passato più di sei anni nel braccio della morte. È solo la seconda volta nella storia del paese. Lo ha confermato oggi alla Dpa Syed Muddasar Hussain, portavoce del tribunale.

Una rara sentenza definita “coraggiosa” da Joseph Francis, direttore di un centro che fornisce assistenza legale ai cristiani in Pakistan accusati di blasfemia. “L’Alta Corte di Lahore ha emesso una sentenza decisamente audace - ha detto alla Dpa - ma ci sono almeno altri 12 cristiani i cui ricorsi contro le condanne a morte per blasfemia sono ancora pendenti”.

Masih fu arrestato nel 2013 e la notizia della presunta blasfemia scatenò l’ira di una folla che diede fuoco a più di 100 case di abitate da cristiani nella Joseph Colony, una baraccopoli di Lahore. La blasfemia è un argomento scottante in Pakistan, dove gli accusati possono diventare bersaglio di gruppi di vigilanti musulmani. In alcuni casi sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco, bruciati vivi o bastonati a morte.

La prima ad essere assolta in Pakistan dopo una condanna per blasfemia fu Asia Bibi, nel 2018, un evento che portò alle pesanti proteste di integralisti islamici. Il caso attirò l’attenzione dei media globali e portò all’uccisione dell’allora governatore del Punjab Salman Taseer, intento a promuovere la riforma delle leggi sulla blasfemia. Rilasciata, si è trasferita in Canada.
(Avvenire Redazione Internet martedì 6 ottobre 2020)

INDIA - famiglie cristiane attaccate per il rifiuto di adorare gli idoli

Gruppi tribali, il 22 e il 23 settembre scorsi hanno attaccato e vandalizzato le abitazioni di quei cristiani che nei giorni scorsi si sono rifiutati di adorare gli idoli della religione tribale Sarna, in cinque villaggi a Kondagaon, nel distretto di Bastar, nello Stato del Chhattisgarh

Monsignor Joseph Kollamparampil, vescovo di Jagdalpur, in India, ha confermato ad UCA News che le violenze sono nate nel momento in cui i cristiani si sono rifiutati di seguire la tradizionale religione Sarna e adorare i suoi idoli. Il loro rifiuto ha creato una tensione che ha rotto la pace nella quale di solito vivono i due gruppi. Il vescovo ha sottolineato infatti come lui stesso, nella sua chiesa, promuova la tradizione e la cultura tribale, “ma non il culto degli idoli”.

Colpiti per aver abbracciato il Cristianesimo
Il presidente del Chhattisgarh Christian Forum, Arun Pannalalal, ha raccontato che sono state danneggiate le case di almeno 14 famiglie cristiane, le quali, con oltre 50 membri, sono state costrette ad abbandonare la loro fede. Il Forum ha dunque richiesto un’indagine e un risarcimento di 1 milione di rupie (circa 14 mila dollari) per ciascuna delle famiglie colpite. La polizia dà un’altra versione degli eventi, parlando di scontri dovuti all’invasione dei terreni forestali in alcuni villaggi e di un dispiegamento di forze dell’ordine nell’area per evitare un peggioramento della situazione. Ha tuttavia ammesso l’esistenza di problemi tra gli abitanti del villaggio e quelle famiglie che, aderendo al Cristianesimo, non hanno più voluto seguire le usanze locali.

Una Chiesa di minoranza
Nel frattempo, l’Evangelical Fellowship of India (EFI) – alleanza nazionale di cristiani evangelici che comprende oltre 54 confessioni protestanti e oltre 200 missioni e organizzazioni legate alla Chiesa – ha esortato il primo ministro indiano, Bhupesh Baghel, a proteggere i cristiani da questi attacchi. Il 28 settembre, il reverendo Vijayesh Lal, segretario generale dell’EFI, ha scritto a Baghel in merito agli incidenti. Nonostante le denunce presentate, tuttavia, ha sottolineato Lal, non è stata intrapresa alcuna azione e le autorità hanno costretto le vittime ad accettare un compromesso. Il 98,3%, dei 23 milioni di abitanti dello Stato del Chhattisgarh, è indù; i musulmani rappresentano l’1 per cento; e i cristiani, per lo più tribali, rappresentano lo 0,7 per cento.
(RV 01 10 2020 Anna Poce – Città del Vaticano)

CINA - Cattolici sempre più molestati in vista del rinnovo dell’accordo tra Vaticano e Cina

Alcune chiese che rifiutano di aderire alla Chiesa patriottica vengono chiuse o trasformate dallo stato, mentre ad altre è vietato svolgere attività in nome della “prevenzione delle epidemie”.

Con l’avvicinarsi della data di scadenza dell’accordo Vaticano-Cina del 2018 , le autorità locali in tutta la Cina hanno intensificato le repressioni sui cattolici non registrati, ignorando le Linee guida vaticane del 2019 che chiedono di rispettare coloro che si rifiutano di aderire all’Associazione patriottica cattolica cinese (CPCA) per motivi di coscienza. Bitter Winter riceve continuamente segnalazioni su nuovi casi di persecuzione.

Allee suore dell’Hebei hanno ordinato di tornare a casa
Le suore della diocesi di Xuanhua, nella provincia settentrionale dell’Hebei, subiscono ripetutamente pressioni da parte dei funzionari locali affinché compilino moduli per l’adesione all’ACCP. “Preferiremmo essere arrestati e imprigionati e poi compilare queste domande”, ha detto una delle suore. “Dopo che i moduli sono stati compilati, ci chiamavano a frequentare corsi di formazione nella capitale provinciale Shijiazhuang, dove saremmo stati indottrinati con l’ ideologia del PCC , come lo fanno con i sacerdoti”.
A giugno, il governo della città di Gaojiaying nel distretto Chongli della città di Zhangjiakou ha ordinato alle suore che prestano servizio nella chiesa cattolica della città, che si sono rifiutate di aderire all’ACPCA, di lasciare l’area perché “non erano residenti”.
“Questa è casa nostra; alcuni di noi vivono qui da 20 anni”, si è lamentata una suora. “Non abbiamo case in cui tornare. La maggior parte dei membri della nostra famiglia è morta”.
Non volendo scendere a compromessi, le suore rimangono in chiesa. Tuttavia, non escludono la possibilità che il governo locale li invierà con la forza nelle loro città natale o li imprigionerà nel prossimo futuro.

Vietati i servizi per commemorare l’anniversario della morte di un arcivescovo
28 agosto ha segnato il decimo anniversario della morte di monsignor John Yang Shudao dell’Arcidiocesi di Fuzhou in Fujian Province. Nato nel 1919, fu ordinato sacerdote nel 1947, ma le autorità comuniste lo condannarono all’ergastolo nel 1955. Liberato dopo anni di prigionia, fu ripetutamente arrestato di nuovo, trascorrendo gran parte della sua vita in prigione.
Il Dipartimento per il lavoro del Fronte unito e l’Ufficio per gli affari religiosi della contea di Lianjiang, amministrata da Fuzhou, hanno impedito ai credenti locali di commemorare l’anniversario dell’arcivescovo ad agosto in nome della “prevenzione dell’epidemia”. Ma i cattolici locali ritengono che le vere ragioni fossero diverse. “L’arcivescovo Yang era stato incarcerato per 30 anni per essersi rifiutato di aderire alla CPCA”, ha detto un fedele. “Il governo vieta di commemorare l’arcivescovo Yang perché era una forza coerente, che unisce e influenza i credenti. E questo è ciò che il PCC teme di più: una forza collettiva che si unisce contro di esso.

Ha anche rivelato che il governo proibisce alle chiese cattoliche non registrate di celebrare la messa o di svolgere altre attività usando la prevenzione delle epidemie come pretesto. Il credente pensa che tutte queste restrizioni sarebbero revocate non appena le congregazioni si uniranno all’ACPCA e alzeranno la bandiera nazionale. In realtà, tuttavia, non è così.

Una chiesa di 300 anni nello Jiangxi si è trasformata in un luogo di intrattenimento
La “Chiesa del Sacro Cuore Addolorata e Immacolata” (?? ? ? ? ? ?) nella diocesi di Yujiang, nella provincia sud-orientale dello Jiangxi, ha una storia che dura da quasi 300 anni. Situata nel villaggio di Gangbeijijia sotto la giurisdizione della città di Tongjia della città di Yingtan, la chiesa è stata rinnovata cinque volte. Alla sede è stato ordinato di innalzare la bandiera nazionale e dall’aprile di quest’anno il governo locale ha emesso diversi ordini per trasformarla, con conseguente rimozione di simboli e dipinti religiosi all’interno e della croce sul tetto della chiesa.
Il 10 maggio, sei funzionari governativi hanno portato in chiesa quattro abitanti del villaggio e li hanno istruiti a ballare, interrompendo le attività della chiesa.
Il 9 settembre, il governo della città ha ordinato di riutilizzare la chiesa e trasformarla in un luogo di intrattenimento con una mensa, una sala giochi e un centro di attività per anziani.
“La chiesa ha dovuto essere trasformata su ordine del governo provinciale. Nessuna clemenza era consentita “, ha detto un funzionario locale.
“Il governo ha tentato ripetutamente di assumere il controllo della chiesa”, ha detto a Bitter Winter un membro della congregazione. “Ero pronto a protestare fino alla fine, anche se significava perdere il lavoro e i benefici del governo”.
Minacciando di cancellare i loro sussidi sociali e altre indennità statali, i governi locali in tutta la Cina stanno regolarmente facendo pressioni sulle persone di fede affinché rimuovano i simboli religiosi dalle loro case, ordinando invece di mostrare i ritratti del presidente Xi Jinping o del presidente Mao.
WB 29/09/2020 TANG ZHE

CINA - Il PCC indaga sulle fughe di notizie sulla persecuzione religiosa

Sempre più criticato dalla comunità internazionale per la repressione delle persone di fede, il regime cinese impone misure più severe per coprire i suoi crimini.

Il PCC indaga sulla fuga di documenti relativi alla persecuzione religiosa.
Pochi mesi dopo il lancio di Bitter Winter , il PCC lo ha designato un “sito web ostile all’estero” per denunciare la persecuzione religiosa in Cina. Le autorità preposte all’applicazione della legge rintracciano, indagano e arrestano continuamente i nostri corrispondenti per “divulgazione di segreti di stato” e molestano le persone che condividono tali informazioni. Per proteggerli, spesso non possiamo rivelare tutti i dettagli sui casi segnalati e dobbiamo utilizzare pseudonimi. Poiché il PCC impone incessantemente misure di controllo e sorveglianza più rigorose, è diventato pericoloso per le persone di fede rivelare casi di persecuzione religiosa.

Secondo diverse fonti nel nord della Cina, le autorità locali hanno recentemente convocato oltre 100 membri del clero cristiano per interrogarli sui documenti del governo riportati da Bitter Winter .
“I documenti sono stati distribuiti a tutte le chiese della zona, ma il governo si è innervosito molto”, ha detto una delle fonti a Bitter Winter .
I funzionari hanno rivelato durante gli interrogatori che i massimi dirigenti del governo centrale sono disturbati dal fatto che i documenti relativi agli affari religiosi sono esposti nei media esteri e il governo “non risparmia alcun costo” per indagare su tali fughe di notizie. Hanno minacciato di condannare tutti i ladri a lunghe pene detentive una volta scoperte e coinvolte le loro famiglie.
“Gli interrogatori erano estremamente rigorosi: le domande erano molto dettagliate, poste più volte, per scoprire se le risposte sono coerenti”, ha rivelato un diacono delle Tre Autonomie interrogato. Molti degli intervistati hanno detto in seguito che non avrebbero più parlato di persecuzione religiosa.

Secondo una fonte della Cina sud-orientale, le autorità provinciali hanno recentemente avviato un’indagine sulle procedure di archiviazione dei documenti nelle istituzioni statali. L’accesso del pubblico a tutti i documenti relativi agli affari religiosi emessi dopo il 2018 è stato vietato e è stato ordinato di trattare con particolare cura e segretezza i registri relativi alle repressioni contro i gruppi religiosi designati come xie jiao .
“Se qualche documento fosse trovato mancante, le persone incaricate sarebbero indagate”, ha rivelato la fonte, aggiungendo che il contenuto di tutti gli incontri su questioni religiose è ora ritenuto riservato.
Un diacono della chiesa del Te-Self nella zona ha detto a Bitter Winter che membri del clero provenienti da luoghi religiosi gestiti dallo stato sono stati convocati per un incontro l’anno scorso sulle fughe di notizie verso il mondo esterno sul controllo del governo sulle religioni. I funzionari governativi presenti all’evento hanno avvertito che avrebbero indagato su tutti i canali attraverso i quali tali informazioni erano trapelate.
Chiunque scatta una foto con un cellulare in chiesa può essere interrogato ora”, ha aggiunto il diacono.
Un direttore della chiesa delle Tre Autonomie che ha preso parte all’incontro ha affermato che i luoghi religiosi non possono più pubblicare informazioni sui social media o distribuire foto a volontà. “Il governo può considerare qualsiasi informazione condivisa come fuga di segreti di stato o un pericolo per la sicurezza dello stato”, ha spiegato.

Persino gli avvisi emessi dal governo sulla chiusura delle sedi delle riunioni sono ora considerati segreti e ne è vietata la distribuzione. Un diacono di una chiesa domestica della provincia centrale dell’Henan ha detto a Bitter Winter che all’inizio di quest’anno, l’avviso sulla chiusura della sua chiesa è stato ampiamente diffuso sui social network e in seguito i media stranieri hanno riferito del caso. Subito dopo, il direttore del locale è stato interrogato dall’Ufficio per gli affari religiosi su come l’avviso era stato condiviso ed è stato rimproverato per “aver causato grossi problemi”.

Tali indagini rendono le persone di fede sempre più caute e non sono disposte a parlare di persecuzione religiosa per paura di ritorsioni da parte del governo.

“Se il governo ha paura che le loro azioni vengano rivelate, deve smetterla di perseguitare le religioni”, ha detto un pastore della chiesa domestica, la cui chiesa è stata demolita per ordine del governo.
WB 10/02/2020 GU XI