2020 04 15 Il primo santo cinese fu martirizzato su una croce a Wuhan

NIGERIA - I VESCOVI: un bagno di umiltà per ricordare tutti che occorre ritornare a Dio INTERVISTA - Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs): nella morte di Gesù in croce la sorte di tanti cristiani perseguitati MEMORIA DA NON PERDERE - Il primo santo cinese fu martirizzato su una croce a Wuhan: i santi martiri di Wuhan sono intercessori particolarmente adatti per coloro che soffrono oggi di COVID-19
Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Cristiani perseguitati. Memoria e preghiera"

NIGERIA - “Il Coronavirus ci rende più umili, ci invita a tornare a Dio e ad essere solidali con i più poveri”

Un bagno di umiltà per ricordare tutti che occorre ritornare a Dio. Così alcuni Vescovi della Nigeria esortano i fedeli di fronte alla diffusione del coronavirus SARS-CoV-2, che provoca la malattia COVID-19.

“Tutte le nazioni, grandi o piccole, sviluppate e non sviluppate, povere e ricche, hanno visto che la tecnologia non può fare molto” ha detto Sua Ecc. Mons. Ignatius Ayau Kaigama, Arcivescovo di Abuja, la capitale federale. “Chiaramente, è un nuovo inizio per l’umanità. Significa che dobbiamo tornare alla regola d’oro dell’amore e del rispetto reciproco. Soprattutto, ha dimostrato che Dio è sul trono, e tutti devono tornare a Lui” ha sottolineato.
Anche sua Ecc. Mons. Paulinus Chukwuemeka Ezeokafor, Vescovo di Awka, nella omelia per la Messa delle Palme, trasmessa in streaming in diretta su Facebook e altri canali online, ha affermato che il “il Coronavirus ha dimostrato che siamo semplici mortali e che non c’è nulla di straordinario negli umani. COVID-19 ha umiliato tutti, compresi quelli che fino a quel momento non vedevano la necessità di chiedere a Dio una soluzione e un aiuto”. Il Vescovo di Awka ha invitato tutti a pregare incessantemente in questo momento di prova, e si è detto ottimista sul superamento di questa difficile situazione. Mons. Ezeokafor ha chiesto ai fedeli di aiutare le famiglie in difficoltà a causa delle misure prese per contenere la pandemia. “Esorto tutti voi a dare a chi è nel bisogno. Dovremmo imparare a dare in ogni momento. Molte persone vivono alla giornata. Molti non possono nutrirsi a sufficienza e tanto meno ora che sono invitati a rimanere a casa. Dobbiamo trovare un modo per assisterle” ha detto Mons. Ezeokafor, che ha annunciato che la diocesi ha avviato un programma di assistenza alimentare per i poveri e che tutti gli organi di beneficenza della Chiesa sono a tal fine mobilitati.
(Agenzia Fides 8/4/2020)

Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs): nella morte di Gesù in croce la sorte di tanti cristiani perseguitati

Ci sono tante parti del mondo in cui a povertà e persecuzione oggi si sommano gli effetti tragici della pandemia. Da lì non smettono di arrivare preghiere: sono i cristiani di Siria, Irak, Nigeria, Pakistan, Venezuela una comunità che sente l’unità della Chiesa e offre per amore il suo dolore. Ne parliamo nel Venerdì Santo con il direttore di Acs Italia Alessandro Monteduro

Servitori e vinti, pastori e vittime, credenti e perseguitati: nel Venerdì Santo che ci fa ripercorrere la passione e la morte di Gesù, in lacrime, tradito, schernito, solo e abbandonato, riviviamo la sorte di tanti cristiani, trecento milioni esattamente, che nel mondo patiscono discriminazioni, ingiustizie, prigionia, mancata libertà di professare la loro fede e morte, solo perchè non rinnegano la loro fede.

Nella passione, uniti come comunità che prega
Sono spesso sacerdoti e religiose, sempre a servizio delle comunità cristiane più fragili e che in questi tempi in cui la pandemia si somma alla povertà e alla persecuzione, non smettono di lavorare, rischiando ancor di più la loro vita, e non dimenticano di pregare per quanti nel mondo ora vivono la malattia e il dolore. Per questa ragione la fondazione di diritto pontificio Aiuto alla Chiesa che soffre ha appena stanziato 5 milioni di euro per finanziamenti di emergenza a loro favore specie in Medio Oriente, nell’Europa centrale e orientale, nell’America latina, in Asia e in Africa. Grazie a questa iniziativa i ministri di Dio potranno dedicarsi di più e meglio alle attività pastorali e di sostegno ai malati e agli anziani, in particolare a quanti vivono in condizioni di miseria.

La riflessione, nel cuore del Triduo pasquale, viene da Alessandro Monteduro, direttore della fondazione di diritto pontificio, Aiuto alla Chiesa che soffre Italia:

R. - La chiesa è una ed è unita, indipendentemente dalla dispersione territoriale e dalle difficoltà. Tuttavia essere minoranza religiosa, in numerose parti del mondo, per esempio in Iraq, in Siria oppure in Nigeria o in Pakistan, certamente porta a vivere la fede con maggior intensità. Oggi, il giorno dedicato alla passione di nostro Signore, ascoltando e avendo a che fare con tanti sacerdoti e cristiani di queste aree, mi viene in mente come per loro ci sia anche un riferimento all’occidente, perchè troppe volte l’occidente si è comportato da Ponzio Pilato, voltandosi dall’altra parte e manifestando indifferenza per le loro sofferenze. Sofferenze che patiscono solo perché non intendono mai smettere la loro appartenenza a Gesù. Ecco dunque, per loro, oggi una grande esortazione alla fede, e un invito che quell’atteggiamento pilatesco da parte dell’Occidente una volta per tutte venga meno.

La pandemia oggi si è andata a sommare a povertà, persecuzioni e abbandoni in tante parti del mondo. Per questo Acs ha pensato ad un fondo straordinario per finanziare l’emergenza, proprio a favore dei religiosi impegnati nel servizio, che si immolano, che danno la loro vita per non rinnegare Cristo. Ecco, c’è qualcosa nelle loro parole che la colpisce e le risuona particolarmente dentro, oggi?
R. - Solo chi non frequenta i cristiani perseguitati può sorprendersi nel sapere che la loro attenzione anche oggi va alle sofferenze di paesi come l’Italia o la Spagna. In queste settimane sono state innumerevoli le testimonianze da queste aree del mondo, di profonda vicinanza alle sofferenze dei loro fratelli sicuramente più fortunati. Vicinanza a quell’isolamento, a quella paura, quella vulnerabilità, che noi stiamo sperimentando in queste settimane e probabilmente sperimenteremo per un breve lasso temporale, ma che invece loro vivono da sempre. Ecco, questo è straordinario. Noi abbiamo deciso di contribuire - anche noi, perché è da sottolineare come l’intera Chiesa in questa tragedia lo stia facendo eccezionalmente da ogni punto di vista - abbiamo voluto sostenere con un gesto non soltanto simbolico, l’intero clero che in Burkina Faso come in Venezuela, è l’unica fonte di supporto alle comunità che dopo avere vissuto povertà e persecuzioni patiscono gli effetti di un’altra “p” che è la pandemia. Ecco perché allora esprimo tutta l’ammirazione da parte di ACS per questa parte di Chiesa del mondo che è la rappresentazione più bella di come si possa essere “comunità” sempre, sempre unita e convinta che, solo attraverso questa azione comune, si possano superare tutti gli ostacoli.

Il Venerdì Santo per il cristiano viene vissuto anche con gli occhi già rivolti alla certezza della Resurrezione. Quali sono i segni di luce, di speranza e di Resurrezione che lei intravede in tante realtà di sofferenza?
R. - La luce per me è, per farle un esempio, quanto avvenuto in questi ultimi 12 mesi, nel nord dell’Iraq, dalla grande valenza simbolica. Qui, grazie alla generosità di tanti e di tante Chiese, e organizzazioni anche cattoliche, sono rientrati i cristiani. E’ una comunità purtroppo sempre più residuale, - erano 1 milione e mezzo oggi sono duecentomila - però sono riusciti a tornare nella loro terra natale per festeggiare la Santa Pasqua. Ecco secondo me, la Risurrezione dipende anche da noi, soprattutto da noi, e, continuare ad essere una unica grande comunità, che non si volta dall’altra parte, ma che guarda le sofferenze dei nostri fratelli, è il modo migliore per raggiungere quella luce cui lei faceva cenno. (Gabriella Ceraso - Città del Vaticano - RV 10 04 2020)

Il primo santo cinese fu martirizzato su una croce a Wuhan

Il primo santo canonizzato della Cina fu martirizzato dal soffocamento su una croce a Wuhan, l’epicentro iniziale dell’attuale pandemia di coronavirus.
San Jean-Gabriel Perboyre, un sacerdote missionario vincenziano francese, fu tradito da uno dei suoi catecumeni per denaro, legato in catene, torturato, legato a una croce di legno e strangolato a morte a Wuhan nel 1840.

Il dottor Anthony Clark, professore di storia cinese, ha trascorso parecchio tempo a Wuhan per studiare la vita di San Perboyre e San Francis Regis Clet, un altro sacerdote vincenziano del XIX secolo martirizzato a Wuhan.
Clark afferma che i santi martiri di Wuhan sono intercessori particolarmente adatti per coloro che soffrono oggi di COVID-19.

I Santi Perboyre e Clet furono entrambi uccisi dallo strangolamento; sono morti perché non riuscivano a respirare”, ha detto. “Come potrebbero non essere opportuni intercessori per questa particolare malattia?”
“Tra i tormenti contro Perboyre c’erano continue percosse sulla parte bassa della schiena e fu costretto a inginocchiarsi su vetri rotti. Conosceva certamente le agonie della sofferenza fisica e sarebbe stato di grande conforto per coloro che ora soffrono di questo virus.”

Wuhan, ora noto come l’origine del coronavirus, un tempo era un avamposto per i missionari cattolici che fondarono ospedali cattolici in città.
Fuori dall’Ospedale Centrale di Wuhan, dove è morto il dottor Li Wenliang, primo ad annunciare l’inizio della pandemia del coronavirus, c’è una statua del missionario italiano, mons. Eustachius Zanoli.
La targa sotto il busto recita in cinese e inglese: “Mons. Eustachius Zanoli, dall’Italia, è stato il primo vescovo della Chiesa cattolica romana nell’Hubei orientale. Nel 1886 invitò le Figlie della Carità Canossiane a Wuhan per fornire servizi sociali e nel 1880 fondò l’ospedale cattolico di Hankou, che gettò le basi per lo sviluppo dell’ospedale n. 2 di Wuhan (1955) e successivamente dell’ospedale centrale di Wuhan (1999 ).”
Un’altra vicina struttura di coronavirus, l’ospedale Wuhan Jinyintan, può risalire alle sue radici in un ospedale per malattie infettive fondato dai missionari francescani nel 1926, l’ospedale cattolico commemorativo di Padre Mei di Hankou.
È stato chiamato così in ricordo di p. Pascal Angelicus Melotto (1864-1923), un frate missionario francescano italiano martirizzato a Wuhan, che prese come nome cinese padre Mei Zhanchun. Fu rapito per riscatto e poi ucciso con un proiettile avvelenato nel 1923.
“Sono felice di morire per i cinesi”, disse il sacerdote missionario alla sua morte, secondo il sito web dell’Ordine francescano. “Ho vissuto in Cina per i cinesi e ora sono felice di morire per loro”.
L’ospedale cattolico commemorativo di Padre Mei di Hankou era gestito da suore francescane fino a quando i missionari furono espulsi dalla Cina nel 1952 dopo la rivoluzione comunista cinese.
“La comunità cattolica di Wuhan ha sofferto molto durante l’era del presidente Mao e della Rivoluzione culturale, e durante quel periodo hanno nascosto le pietre tombali dei santi Perboyre e Clet per proteggerli, a causa della loro profonda devozione a quei martiri”, ha detto Clark.

“Mentre ero lì, ho visitato il seminario in cui le due lapidi sono ora esposte per la venerazione; i cattolici di Wuhan hanno una grande devozione per l’Eucaristia e per i vincenziani, come Perboyre e Clet, che morirono per loro e versarono il loro sangue sul suolo di quella città “, ha aggiunto.

Molti missionari partirono per la Cina nel XIX secolo con la consapevolezza che non sarebbero mai tornati.
“Non so cosa mi aspetti sul sentiero che si apre davanti a me: senza dubbio la croce, che è il pane quotidiano del missionario. Cosa possiamo sperare in meglio, per predicare un Dio crocifisso? “ San Perboyre ha scritto in una lettera durante il suo viaggio in Cina.
I resti di Perboyre furono infine trasferiti a Parigi nella casa madre vincenziana. Oggi la sua tomba si trova in una cappella laterale nella stessa chiesa in cui si trova il corpo incorrotto di San Vincenzo de Paoli. Fu beatificato nel 1889 da papa Leone XIII.

“S. Teresa di Lisieux aveva una devozione speciale per Perboyre e teneva un santino dedicato a lui nel suo libro di preghiere personale”, ha sottolineato Clark.
Alla canonizzazione di Perboyre nel 1996, San Giovanni Paolo II disse: “Lungo le strade dove era stato mandato, trovò la Croce di Cristo. Attraverso l’imitazione quotidiana del suo Signore, con umiltà e dolcezza, si identificava pienamente con lui. ... Dopo essere stato torturato e condannato, riproducendo la Passione di Gesù con straordinaria somiglianza, è venuto come lui a morte e morte su una croce.”
San Giovanni Paolo II canonizzò San Francesco Regis Clet nell’ottobre 2000, insieme ad altri 33 missionari e 87 cattolici cinesi martirizzati sotto la dinastia Qing (1644-1911).

Michael Fu Tieshan, un vescovo della chiesa statale cinese, l’Associazione cattolica patriottica cinese, definì la canonizzazione una “umiliazione pubblica” in un’intervista con la televisione statale, ha riferito AP all’epoca.
Il primo “vescovo patriottico” nominato dal governo comunista in Cina nel 1958 era di Wuhan. Dong Guangqing, deceduto nel 2007, era presidente dell’Associazione patriottica cattolica di Wuhan e vice presidente del Comitato amministrativo nazionale della Chiesa cattolica cinese.

Oggi i cattolici di Wuhan hanno una particolare devozione per San Francesco e il Sacramento della Penitenza, osservò Clark.
I cattolici di Wuhan sono “noti per fare lunghe file vicino ai confessionali dei sacerdoti che sono più fedeli agli autentici insegnamenti della Chiesa”, ha detto.
“È raro trovare una chiesa senza una statua di San Francesco, e talvolta una devozione per San Vincenzo de Paoli. La fede lì è forte e ha persino prosperato soprattutto durante i periodi di persecuzione “, ha aggiunto Clark.
“In effetti ho sentito da alcuni cattolici in questo periodo e, come tutti noi, si rivolgono al Signore e alla sua misericordia mentre affrontiamo tutti la nostra fragilità”, ha detto. “Di recente ho sentito da un protestante di Wuhan che ha testimoniato la tristezza di assistere alla morte di molti membri anziani della loro chiesa. Il trauma all’interno della comunità cristiana di Wuhan è stato notevolmente aiutato dalla potente fede dei cristiani in quella zona”.