Ha ragione il DS

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Buongiorno, prof. Incampo.
Le scrivo per avere informazioni "attendibili" e supportate da circolari Min./riferimenti normativi relativamente alla questione in oggetto.
Le formulo meglio la mia domanda. Vorrei sapere il ruolo del docente di Religione Cattolica e della sua disciplina nella commissione esaminatrice di uno studente che, ritiratosi dalla scuola in quarta superiore per percorrere la carriera militare, si presenterà come "privatista" agli esami di idoneità alla classe quinta. Nella fattispecie, il ragazzo, che al momento del ritiro frequentava l'IRC, è tenuto a portare tutte le discipline della classe quarta, quindi anche Religione, oppure, come riferitomi dalla Dirigente, sarà una "commissione" creata ad hoc ad esaminarlo dalla quale è possibile escludere le discipline che si stabilisce possano essere escluse, ergo Religione Cattolica?
Io so benissimo la mole di lavoro che il ragazzo dovrà sostenere, quindi ben lungi da me la volontà di "gravare ed infierire" ulteriormente, tanto più trattandosi di uno studente "modello" dal mio punto di vista, però vorrei conoscere cosa sia previsto da un punto di vista normativo, essendo la sottoscritta assolutamente impreparata in tal senso.
Grazie dell'attenzione...

Risposta



Ha ragione il DS: religione non è materia d’esame.
E sarà una Commissione ad esaminarlo e tu non potrai far parte di quella commissione.