Io ci penserei prima di fare il concorso

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Gent.mo prof. Incampo, buon giorno!
Seguo il suo blog da diversi anni. Apprezzo molto il suo equilibrio e la sua saggezza.
Sono un insegnante di religione nella scuola secondaria di secondo grado da 19 anni. Ho 62 anni. Per situazioni della vita, non ho altre forme di contributo se non appunto i 19 anni nella scuola.
Da quanto lei riporta nel suo blog, è probabile che a breve escano i concorsi.
Se non ho capito male, ammesso che uno superi il concorso, con l'immissione in ruolo si deve necessariamente rifare la ricostruzione di carriera e, quindi, si riparte dalla fascia più bassa. È corretto? Si riparte dalla fascia più bassa o vengono considerati anche gli anni di servizio svolti?
Attualmente sono nella quindicesima fascia.
È evidente che io dovrò lavorare fino all'età pensionabile e, al momento, almeno fino al compimento dei 67 anni.
La domanda è: conviene, secondo lei, fare il concorso?
Ho chiesto a qualche Caf, e sinceramente le risposte non sono state esaustive ma approssimative.
Cortesemente potrebbe darmi una mano e aiutarmi a illuminare, per quanto le è possibile, questa situazione?
Le sarei infinitamente grato.
Auguro a lei e alla sua famiglia ogni bene.
Cordialmente.

Risposta



Io ci penserei prima di fare il concorso.