Licenza in teologia

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Buonasera professore,
in fase di controllo gps, dopo assunzione incarico in altra cdc, la segreteria d'Istituto che ha effettuato il controllo mi ha decurtato i punti del diploma triennale (1,5) dicendo che manca decreto di equipollenza.
Da premettere che già altre due segreterie hanno effettuato i controlli negli anni precedenti ed hanno sempre convalidato il punteggio.
Dal momento che non mi fido molto dell'operato della segreteria attuale per precedenti che non sto a raccontare, prima di far ricorso formale, può indicarmi il riferimento normativo che riguarda la valutazione del titolo baccalaureato/licenza (ecc..) come titolo culturale anche in assenza di equipollenza?
Grazie.

Risposta



La licenza in teologia era già stata riconosciuta come “laurea” dall’articolo 2 del DPR numero 175/94 così recita: “I titoli accademici di baccalaureato e di licenza nelle discipline ecclesiastiche di cui all’articolo 1 , conferite dalle facoltà approvate dalla Santa Sede, sono riconosciuti, a richiesta degli interessati, rispettivamente come diploma universitario e come laurea con decreto del ministero della università …”.
Per poter presentare domanda di riconoscimento alle Autorità accademiche delle Facoltà civili è necessario che i titoli accademici siano vidimati dai seguenti enti: per l’Italia – Congregazione per l’Educazione Cattolica (occorre portare il Diploma e una fotocopia, nonché il certificato di tutti gli esami sostenuti con dichiarazione di annualità; per i religiosi e i sacerdoti, la richiesta del Superiore o del Vescovo della Diocesi competente; – Segreteria di Stato vaticana; – Ambasciata italiana presso la Santa Sede. – Infine consegnare la documentazione all’Ufficio Equipollenze presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR).