Congedo biennale retribuito

Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Gent.mo Dott. Nicola Incampo,
Le chiedo un suo competente parere.
Sono docente di Religione cattolica della diocesi di *** (**), in servizio scolastico continuativo dal 1984 a tutt’oggi e dal 2007 di ruolo presso la scuola superiore, Cl/Fascia 35.
Ad aprile 2022 compirò 65 anni, con 38 anni di servizio.
Riconosciuto dall’ASL con il 70% di invalidità (art. 21, L. 104/92) nel 2017.
Da Giugno 2021, a seguito di ricorso presso il Tribunale Ord. di ***, sez. Lavoro e Previdenza, mi è stata riconosciuta, a seguito della relazione di consulenza medico-legale per l’accertamento tecnico preventivo,la situazione di gravità (co. 3, art. 3 L. 104/92).
Il CTU d’Ufficio, ***, dopo avermi sottoposto ad esami, controlli ed analizzato tutta la documentazione sanitaria presentata, ne riscontrava lo stato invalidante di gravità, peraltro già presente alla data della presentazione dell’istanza amministrativa di accertamento dell’handicap (14/11/2019), come da Consulenza del 12/11/2019.
Perciò il riconoscimento dell’art. 3, co. 3, è dalla suddetta data.
Considerando che per ogni anno (da nov. 2019 ad oggi) si può beneficiare di 2 mesi di riconoscimento contributivo e tenendo presente anche un periodo brevissimo di servizio militare, a tutt’oggi, dai miei calcoli, dovrebbero essermi riconosciuti oltre 39 anni.
La mia intenzione è di andare in pensione di anzianità a 67 anni, cioè tra 2 anni, oltre all’anno già in corso, perché la ritengo più vantaggiosa.
Essendo destinatario della L. 104/92, art. 3, co. 3, Le chiedo un suo parere circa la possibilità di poter beneficiare del congedo biennale retribuito, in modo da arrivare a 67 anni, senza alcuna decurtazione.
Oppure, se mi consiglia altra alternativa, comunque vantaggiosa.
Poiché il 31 ottobre per un’eventuale presentazione della domanda di pensione è prossimo, Le chiedo, per favore e con gratitudine, una sua celere risposta.
Con stima, per il suo servizio generoso, puntuale e professionale, Le auguro una Santa Domenica e buon tutto.

Risposta



Tieni presente che il comma 5-quinquies, articolo 42 del Decreto 151/2001, precisa che durante la fruizione del congedo retribuito non si maturano ferie, tredicesima mensilità e trattamento di fine rapporto.