Convocazione consigli

Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Buonasera!
Da un anno a questa parte, nei due istituti in cui lavoro, si sono moltiplicate le riunioni in modalità telematica convocate dai coordinatori di classe x vari motivi, spesso molto futili, non calendarizzate nelle 40 ore, quindi eccedenti... e in grand numero!
Capita sovente che siano i genitori stessi a chiedere questi incontri per esporre problemi della classe o del figlio...
E così, chi insegna in 18 classi, si trova 2-3 riunioni telematiche a settimana, oltre a quelle già in calendario!
Quasi sempre vengono convocate in tempi brevissimi, la mattina per il pomeriggio, senza un congruo avviso.... e senza gli iter canonici x chiedere di riunire il CDC!
Ti arriva un messaggio su WhatsApp che ti avvisa della necessità di incontrarci nel pomeriggio x discutere di xyz...
Mi sorgono 2 domande:
È rispettoso non dare il tempo ad un docente di liberarsi di eventuali impegni x poter partecipare e dire la sua opinione, anche se l'incontro non è obbligatorio?
Bello e utilissimo confrontarsi, ma tutta questa informalità e disponibilità ci giova?
Non ne sto facendo un questione economica, di ore non riconosciute, ma di rispetto e correttezza...
Grazie mille!

Risposta



Per prima cosa chiariamo che è il comma 1 dell’articolo 10 del Decreto Legislativo numero 297/94 a stabilire che “Le convocazioni degli organi collegiali devono essere effettuate secondo i tempi e le modalità stabilite nel regolamento interno deliberato dal consiglio d’istituto”. Lo stesso Decreto Legislativo afferma che “In mancanza dei regolamenti interni previsti dal presente titolo gli organi collegiali operano sulla base di regolamenti tipo predisposti dal Ministero della Pubblica Istruzione”.
Questo significa che in mancanza di regolamento interno, bisogna applicare la Circolare Ministeriale numero 105/1975 che recita così: “La convocazione degli organi collegiali deve essere disposta con un congruo preavviso – di massima non inferiore ai 5 giorni – rispetto alla data delle riunioni.”