Speriamo che i pensatori …

Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Egregio Professore,
I "Pensatori" come Ella li ha ben definiti, l'hanno fatta grossa.
Il Concorso Ordinario per Idr, con più di 36 mesi di servizio e Idonei-Abilitati, oltre ad essere una palese discriminazione di Legge e che espelle dalla scuola il 50% di Docenti ad alto grado di qualificazione professionale e possesso di Titoli, va a detrimento del ruolo del l'Ordinario Vescovile.
In sequenza:
1) Non si riconosce più l'Idoneità dal Vescovo attribuita all'IdR, e che per lo Stato è Abilitante (che infatti, se riconosciuta a termine di Legge "obbliga" al Concorso Riservato per Titoli e Servizi), un totale misconoscimento che apre alla "Storia delle Religioni" a scuola al posto del Concordatario IRC.
2) Si permette allo Stato di valutare il grado di preparazione "Religiosa" degli Idr, la qualcosa invece di pertinenza dei Vescovi in base a norme Civili e Canoniche.
3) Il fatto che la metà dei posti a Concorso Ordinario riguardi i neolaureati in Scienze Religiose (senza esperienza di docenza), sottende ad insinuare il "dubbio" (in era di laicismo montante) che i Vescovi abbiano abilitato una metà, appunto, degli IdR, non all'altezza del loro compito.
Ci auguriamo che i "Pensatori" si rendano conto delle grandi e gravi conseguenze che il Concorso Ordinario causerà per il rispetto delle potestà dell'Ordinario Vescovile sugli Idr, visto che del futuro lavorativo ed esistenziale di questi ultimi e Famiglie incluse, poco, a questo punto, importa.
La ringrazio molto per l'attenzione.
Cordiali saluti.

Risposta



Speriamo che i pensatori …