Quante ore?

Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Buonasera sig. Nicola Incampo,
sono ***, docente di religione cattolica a tempo determinato in due Istituti secondari di 1° grado (***) ed insegno per un totale di 13 ore settimanali.
Nell’Istituto di ***, quest’anno la vice-preside ha “recuperato” l’affermazione della Dirigente dello scorso anno (abbiamo infatti appena cambiato il Dirigente), secondo la quale tutti gli insegnanti devono obbligatoriamente partecipare a tutti gli incontri unitari.
Non sono mai stata la persona che calcola le ore che trascorre a scuola ma ritengo molto ingiusto il non tenere conto di tutto il lavoro che noi docenti stiamo facendo e, in più, lavorando in una scuola Senza Zaino, con un aggravio di incontri ulteriori per la programmazione a favore dei nostri ragazzi/e (lavoro che il nuovo dirigente non conosce affatto e che la vice-preside, confermata “ad occhi chiusi” dal precedente anno scolastico, non calcola affatto!).
Mi sto davvero trovando un carico di lavoro molto grande senza che neppure venga riconosciuto (da tutti i punti di vista).
Sono tenuta, per legge, a partecipare a tutti i Collegi Docenti, indipendentemente dal numero di ore per le quali io insegno in questo Istituto? Se sì, è un mio diritto chiedere che vengano retribuite le ore eccedenti? Talvolta penso che, forse, quando si toccano le persone sul “portafoglio”, magari iniziano a ragionare in modo diverso.
Ringrazio per il tempo che mi potrà dedicare e saluto cordialmente.

Risposta



Sicuramente no.
Dovrai calcolare il numero delle ore che ti spetta svolgere e comunicarlo al DS non al vice preside.