L’orario settimanale e ....

Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Buon pomeriggio prof. Incampo
Volevo chiederle delucidazioni in merito a questo problema:
a causa di uno spostamento di classi in due edifici scolastici diversi, separati da una strada comunale trafficata, alcuni docenti si ritrovano a doversi spostare da una parte all'altra durante la giornata:
l'orario inviato dalla dirigente non prevede però i minuti necessari per il passaggio.
Esempio di orario stabilito in una giornata:
- docente X dalle ore 8,00 alle ore 9,00 nell'edificio scolastico A
- stessa docente X dalle ore 9,00 alle ore 11,00 nell'edificio scolastico B
Oralmente (attraverso il collaboratore del dirigente) gli insegnanti sono stati avvisati che al momento di lasciare l'edificio scolastico A un collaboratore ATA provvederà a vigilare la classe in attesa dell'arrivo del docente successivo; mentre nell'edificio B il docente presente si fermerà fino all'arrivo dell'insegnante dell'edificio A. Le chiedo: chi è il responsabile di quanto può accadere all'interno delle classi? E se la dirigente invia l'orario a tutti, ma senza firmarlo?
Grazie come sempre per la sua cortesia.

Risposta



Per prima cosa chiariamo che l’orario diventa ordine di servizio solo se firmato dal Dirigente.
Quanto poi alla formulazione dell’orario mi sembra “regolare”, perché la classe viene sempre “vigilata” da un adulto.