Articolo 36 del CCNL

Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Buongiorno Don Gabriele, sono una docente di ruolo di religione su scuola primaria con una piccola porzione su infanzia: 20 ore primaria, 4,30 su infanzia. Sono anche abilitata sul posto comune, sono nella GAE della mia provincia di residenza, ma avendo solo punteggio irc sono sempre in coda nelle Gae. Quindi il ruolo su posto comune diventa di anno in anno sempre più una chimera. Una collega però mi ha parlato della possibilità di far valere l'articolo 36 del CCNL, il quale prevede per i docenti di ruolo di poter prendere aspettativa dal proprio ruolo per poter incarico annuale su altro ruolo o classe di concorso. Così ho chiesto alla segreteria della mia scuola e abbiamo tentato una simulazione al SIDI. In effetti il sistema lo prevede, ma per gli irc solo su ordine di scuola differente, infatti il sistema non ha un codice disciplina per gli irc in sostituzione di un codice riferito alla classe di concorso. Quindi sullo stesso ordine di scuola non permette l'accesso alla classe di concorso diversa da irc quale appunto OOEE PRIMARIA, sia per sostegno che inglese. Un contratto prevede che un docente di ruolo possa sullo stesso ordine di scuola ma diversa classe di concorso, è vero che l'irc non ha una classe di concorso ma è anche vero che cmq non è lo stesso di comune OOEE. La segretaria però mi ha detto che spesso il SIDI non prevede tutte le variabili, e che spesso si ricorre ai contratti in forma cartacea. Mi chiedo se questo è uno di quei casi. E lo chiedo a lei che so essere esperto in normativa scolastica relativa all'IRC. Spero possa darmi una risposta. Grazie tante, arrivederci.

Risposta



Relativamente all’articolo 36 del CCNL ti faccio notare che il comma 1 così recita: “Ad integrazione di quanto previsto dall’art. 28, il personale docente può accettare, nell’ambito del comparto scuola, rapporti di lavoro a tempo determinato in un diverso ordine o grado d’istruzione, o per altra classe di concorso, purchè di durata non inferiore ad un anno, mantenendo senza assegni, complessivamente per tre anni, la titolarità della sede.”
Questo significa che se hai i requisiti puoi passare ad altro insegnamento per un massimo di tre anni.