Circolare Ministeriale numero 158 del 26 aprile 1996

Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Caro prof. Incampo, è vero che ci sono indicazioni da parte del MIUR/USR di predisporre cattedre di religione, ove possibile, complete? E non dimezzare le cattedre o diminuire le ore per insegnante per far lavorare più persone? Ovviamente mi riferisco ai docenti non in ruolo. Se esiste qualcosa di scritto, potrebbe indicarmi il documento? Grazie.

Risposta



Penso che tu ti riferisca del comma 6 del CCNL che così recita: “Il rapporto di lavoro del personale di cui al precedente comma è costituito, secondo quanto previsto nei punti 2.3., 2.4, 2.5. del D.P.R. 16 dicembre 1985, n.751, possibilmente in modo da pervenire gradualmente a configurare, limitatamente alle ore che si rendano disponibili, posti costituiti da un numero di ore corrispondente all'orario d'obbligo previsto, in ciascun tipo di scuola, per i docenti assunti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato.”
La Circolare Ministeriale numero 158 del 26 aprile 1996, però, ha chiarito che “…. Su circostanza che formulazione pi volte richiamata disposizione contenute art.47, comma 7, est tale da far escludere che possa darsi luogo at risoluzione rapporto lavoro docenti gi in servizio at orario ridotto at fine portare altri at orario intero.
Infatti, come segnalato con menzionata C.M. n.302/95, cui indicazioni afferenti docenti at tempo parziale applicansi anche nei prossimi anni scolastici, in considerazione attuazione gradualit prevista dal pi volte detto art.47, comma 7, occorre tendere, in ambito ciascuna scuola, at prevista configurazione posti insegnamento religione cattolica con numero ore corrispondente at orario obbligatorio docenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato utilizzando esclusivamente ore che, man mano si rendano disponibili (per quiescenza, dimissioni volontarie o altri motivi) in medesima scuola.”
Questo significa che nella stessa scuola prima di procedere a nuove assunzione i docenti devono essere tutti destinatari di orario cattedra.