Servizio IRC

Vai a "Domande e Risposte"

Domanda



Gentilissimo prof. Incampo, sono una docente di ruolo di Religione. Le ho scritto altre volte per sottoporle diversi quesiti.
Ho sempre insegnato questa disciplina che amo e scelto, rifiutando in passato incarichi su posto comune avendo superato due concorsi pubblici. Attesi con con ansia il concorso per gli specialisti Irc e superandolo pensavo di aver raggiunto il massimo che desideravo. Oggi invece inizio a riflettere su molte dinamiche, e mi sto rendendo conto che se finché si è giovani e senza grossi carichi famigliari si possono affrontare giornate intere fuori casa. Oggi ho bimbi piccoli e 4 anziani a cui pensare, che non sono ancora abbastanza gravi per avere accompagnamento e 104, ma non per questo meno impegnativi. La scuola di oggi è all'80 % burocrazia e adempimenti. Adempimenti che assorbono tempo ed energia fuori casa. Inoltre si va tutti per la scuola a tempo pieno e questo per gli IDR è un aggravio perché per poter coprire tutte le ore frontali dobbiamo fare spesso tante ore buche tra la mattina e il pomeriggio, se poi abbiamo tanti istituti (io ne ho 3) e più scuole... Le 80 ore le fai tutte e anche di più perché la coscienza e il dovere te lo impongo. Però poi arrivi alla fine dell'anno che si è veramente stanchi, esausti, svuotati. Certo soddisfatti per il lavoro con i bimbi, ma mi rendo conto che con l età che avanza gestire a livello mentale circa 300 volti e nomi e caratteri e esigenze di tanti alunni, diventa sempre più pesante.
Sono ancora inserita in GAE e mi chiedevo se potrò accedere al prossimo concorso su posto comune.
Alcuni dicono no, il nostro insegnamento non vale, altri dicono che l esclusione vale solo per le docenti di scuole paritarie.
Leggendo il decreto del concorso si parla di insegnamento specifico: si riferisce al posto comune o come insegnamento nella scuola pubblica? Spero lei possa farmi avere delle informazioni in merito a questo quesito.
La saluto e la ringrazio tantissimo per il suo impegno nel farci avere risposte ai nostri quesiti.

Risposta



Il servizio svolto come IRC, al momento, non è spendibile né se svolto nelle scuole paritarie né se svolto nelle scuole statali.