Dopo aver appurato che …

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Spett. Prof. Incampo,
dopo aver appurato, grazie al Suo chiarimento, che dovrò frequentare il biennio supplementare per poter continuare ad insegnare religione, (sono incaricata annuale 01-09 31-08 in possesso della Laurea in Scienze Religiose) Le chiedo cortesemente se, oltre alle 150 ore, potrò usufruire di ulteriori agevolazioni che mi permettano di svolgere il mio orario di 22+2 ore settimanali. Mi riferisco precisamente al fatto di poter distribuire l'orario esclusivamente nelle mattinate, in modo da poter seguire la frequenza obbligatoria pomeridiana, escludendo perciò i pomeriggi che ho sempre svolto all'interno dell'I.C. in cui presto servizio. Vorrei precisare che da 4 anni sono l'unica maestra che copre 2 pomeriggi su 2; tutte le altre ne prestano 1 o nessuno, forse questa situazione di emergenza potrebbe offrirmi qualche priorità? Preciso che il tutto si verificherà ormai l'anno prossimo, essendo fuori tempo massimo per prendere qualsiasi iniziativa;
Le chiedo ancora un chiarimento: il baccalaureato, di cui si parla sia nella intesa originaria che in quella nuova rispettivamente al punto 4.3 e 4.2.1., non corrisponde alla Laurea Triennale? Dico questo perché la mia Laurea riporta scritto in basso e in piccolo:" IL TITOLO DI LAUREA IN SCIENZE RELIGIOSE CORRISPONDE AL BACCALAUREATO IN SCIENZE RELIGIOSE, SECONDO LA DICITURA DELL'ISTRUZIONE DELLA CONGREGAZIONE PER L'EDUCAZIONE CATTOLICA RELATIVA AGLI ISSR."
La ringrazio molto per la Sua cortese risposta e porgo Cordiali Saluti.

Risposta


Il Dirigente scolastico deve applicare la normativa vigente in materia di concessione dei permessi per diritto allo studio.
Questo significa che deve ricorrere al massimo possibile di flessibilità didattica ed intervenendo anche sull’orario settimanale delle lezioni.
Tieni presente che assentandoti sistematicamente nello stesso giorno della settimana ove dovresti fare l’unica ora di lezione in quella classe, gli studenti verrebbero privati della lezione di religione cattolica.
Ciò non toglie che il docente fruitore del beneficio delle 150 ore possa chiedere ore di permesso in giorni diversi da quello in giornata libera, sempre da documentare per partecipazione alle lezioni e per attività di studio connesse alla preparazione degli esami e della tesi.
Questo significa che comunque hai diritto a fruire di 150 ore di permesso retribuito, secondo le esigenze connesse alla frequenza del corso di studio frequentato.
Quanto poi alla seconda domanda ti faccio notare che il baccalaureato in scienze religiose non è baccalaureato in teologia.