Ora di ricevimento?

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Gent.mo Prof. Incampo
Ti scrivo per un chiarimento, oggi ho parlato con il dirigente riguardo le 40 che si devono fare per i collegi e i colloqui. Lui mi ha detto che i colloqui fanno parte della funzione docente e non rientrano nelle 40 ore. E' possibile? ho chiamato il sindacato e mi ha detto che potrebbe avere ragione in quanto si parla di informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini trimestrali, quadrimestrali e finali. Secondo il sindacato quelli sono i colloqui, gli altri colloqui fatti a dicembre e che dovrò fare ad aprile non devo contarli. Io non so cosa dire, ho letto quello che hai scritto tu tempo fa e in effetti parla di scrutini... ecco cosa avevi scritto tempo fa:
"La partecipazione ai collegi dei docenti e ai consigli di classe viene regolata dall’articolo 42 del CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) 1995 confermato dal CCNL 1999 e dal CCNL 2003
Per la partecipazione ai collegi docenti:
Il comma 5 dell’articolo 25 del CCNL 1999 così recita: “Tra le attività funzionali all'insegnamento sono da considerare retribuibili in quanto aggiuntive solo quelle eventualmente eccedenti il limite previsto dall'art.42, comma 3, lettera a) del CCNL 4-8-1995”
Il comma 3, lettera a) dell’articolo 42 del CCNL 1995 recita così: “Le attività di carattere collegiale riguardanti tutti i docenti sono costituite da: a) partecipazione alle riunioni del collegio dei docenti, ivi compresa l'attività di programmazione e verifica di inizio e fine anno e l'informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini trimestrali, quadrimestrali e finali sull'andamento delle attività educative nelle scuole materne e nelle istituzioni educative, per un totale di 40 ore annue”.
Questo significa che se farai ore in più alle 40 previste, potrai chiedere la retribuzione, che è a carico del fondo d’Istituto, per le ore effettivamente svolte in eccedenza".
Sto pensando di chiedere ad un altro sindacato per vedere come viene interpretata la legge o norma come la chiama il dirigente...
Possibile che abbia ragione e che non possa neanche protestare? Io mi auguro che tu possa darmi delle buone notizie ti saluto cordialmente e ti ringrazio per la disponibilità.

Risposta


Ma tu parli delle 40 ore, quindi dell'informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini trimestrali, o dell’ora settimanale da dedicare al ricevimento?
Per l'informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini trimestrali devi dar riferimento al comma 3, lettera a) dell’articolo 42 del CCNL 1995.
Tra le attività funzionali all’insegnamento dovute, di cui all’articolo 27 comma 2 lettera c del CCNL 2003, rientrano anche i “rapporti individuali con le famiglie”, che nella scuola di solito si identificano nell’ora settimanale di ricevimento famiglie da parte del singolo docente.
Le modalità di gestione dell’ora di ricevimento famiglie sono regolate dai criteri generali stabiliti dal Consiglio d’Istituto e dalle proposte in merito espresse dal collegio docenti.
Per questo ogni scuola nella propria autonomia stabilisce l’applicazione di questo obbligo di servizio.