Non ho trovato una risposta certa da nessun sindacato

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Gentilissimo Prof. Incampo,
Non ho trovato una risposta certa da nessun sindacato, in quanto le risposte risultano discordanti.
Pongo qui il quesito nella speranza di una risposta:
Alcuni colleghi mi hanno fatto leggere una sentenza del Tar in cui si dice che il punteggio per l'insegnamento della materia alternativa non è riconosciuto ai fini della graduatoria e dell'anno di pre ruolo.
Ora mi chiedo come sia possibile che interpellati dalla graduatoria per la propria classe di concorso, firmatari di un contratto fino al 30/6, pagati dal Tesoro con relativo versamento dei contributi tale contratto non sia di fatto riconosciuto ai fini del punteggio. Dipende forse da quale graduatoria si è stati interpellati oppure da qualcos'altro? C'è un caso in cui il punteggio per insegnamento di materia alternativa possa essere riconosciuto? Ritengo sia una discriminazione. Che ne pensa?

Risposta


Ai fini della graduatoria permanente ti ricordo che non si valutano
- i periodi estivi di sospensione delle attività didattiche,
- l’insegnamento della religione cattolica,
- dell’ora alternativa,
- gli insegnamenti non curriculari,
- i servizi che hanno dato luogo a trattamento di pensione.