Il mio Vescovo mi ha nominato Direttore dell'Ufficio scuola

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Gentilissimo prof. Incampo
Da qualche mese il mio Vescovo mi ha nominato Direttore dell'Ufficio scuola
Sono diacono e insegnante di religione di ruolo presso la scuola media da ormai 25 anni ma, in quanto Direttore dell'Ufficio, vorrei capire come funziona l'assegnazione delle ore di religione alle maestre di classe.
Nella mia Diocesi le maestre di classe insegnano religione senza avere nessuna certificazione di idoneità (il mio predecessore non si era preoccupato di richiederla).
Ho fatto richiesta ai Direttori didattici, chiedendo loro informazioni sui nominativi dei docenti di classe che insegnano religione e chiedendo loro se avessero certificato di idoneità.
Non so perché la mia richiesta ha sollevato un polverone di proteste della serie "le nostre maestre hanno sempre insegnato religione e continueranno a farlo!"
(vi allego per curiosità il fax che mi ha inviato il direttore *** in risposta alle mie richieste).
Ora gentilmente vorrei sapere:
1. Quali maestre di classe possono insegnare religione senza avere un titolo di studio specifico (tipo Baccalaureato o Diploma in scienze religiose)? quelle che già erano in ruolo prima del Concordato del 1985?
2. E' dal 1991 che è richiesto un particolare titolo di studio in Scienze religiose? (quali sono i riferimenti normativi?)
3. Devo procedere ad una "revoca" di idoneità che in realtà non è mai stata rilasciata? (come sostiene ***?)
Ho segnalato l'anomalia alla Direttrice *** dell'Ufficio scolastico regione *** ... e aspetto una risposta, ma temo che all'Ufficio regionale siano meno informati di me...
Ho pensato di riconoscere SOLO alle maestre di classe che ne facciano richiesta, e SOLO se frequenteranno un Corso di Aggiornamento, e SOLO se non hanno mai fatto rinuncia all'insegnamento dal 1985 il fatidico CERTIFICATO di Idoneità.
Sto facendo bene?
Conto su una Vostra risposta chiarificatrice...

Risposta


Relativamente alla prima domanda ti faccio notare che al maestro di classe e di ruolo ha la possibilità di chiedere l’idoneità per insegnare IRC nella sua classe.
Ai fini del rilascio dell’idoneità l’Ordinario può richiedere tutte condizioni che ritiene opportuno per il rilascio del decreto.
Il DPR numero 751 del 16.12.1985 delinea i profili di qualificazione professionale dell’insegnante di religione cattolica e precisamente al punto 4 così recita: “;..I profili della qualificazione professionale sono determinati come segue:
4.2. Per l'insegnamento della religione cattolica si richiede il possesso di uno dei titoli di qualificazione professionale di seguito indicati:
4.3. Nelle scuole secondarie di primo e secondo grado l'insegnamento della religione cattolica può essere affidato a chi abbia almeno uno dei seguenti titoli:
a) titolo accademico (baccalaureato, licenza o dottorato) in teologia o nelle altre discipline ecclesiastiche, conferito da una Facoltà approvata dalla Santa Sede;
b) attestato di compimento di regolare corso di studi teologici in un Seminario maggiore;
c) diploma accademico di magistero in scienze religiose, rilasciato da un Istituto di scienze religiose approvato dalla Santa Sede;
d) diploma di laurea valido nell'ordinamento italiano, unitamente a un diploma rilasciato da un Istituto di scienze religiose riconosciuto dalla Conferenza Episcopale Italiana.
4.4. Nella scuola materna ed elementare l'insegnamento della religione cattolica può essere impartito, ai sensi del punto 2.6, dagli insegnanti del circolo didattico che abbiano frequentato nel corso degli studi secondari superiori l'insegnamento della religione cattolica, o comunque siano riconosciuti idonee dall'Ordinario diocesano.
Nel caso in cui l'insegnamento della religione cattolica non venga impartito da un insegnante del circolo didattico, esso può essere affidato:
a) a sacerdoti e diaconi, oppure a religiosi in possesso di qualificazione riconosciuta dalla Conferenza Episcopale Italiana in attuazione del can. 804, par. 1, del codice di diritto canonico e attestata dall'Ordinario diocesano;
b) a chi, fornito di titolo di studio valido per l'insegnamento nelle scuole materne ed elementari, sia in possesso dei requisiti di cui al primo comma del presente punto 4.4; oppure a chi, fornito di altro diploma di scuola secondaria superiore, abbia conseguito almeno un diploma rilasciato da un Istituto di scienze religiose riconosciuto dalla Conferenza Episcopale Italiana
.”
Comunque se mi invio il tuo recapito telefonico potrò rispondere a tutte le tue domanda.