Confermo

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Egr. Prof. Incampo,
nella Sua rubrica, leggo spesso che i tempi della ricostruzione di carriera si aggirerebbero ad un massimo di 18 mesi per i docenti che ne fanno richiesta, dopoché si può presentare a mezzo legale un sollecito, e ancorché inutile, si può ricorrere al giudice del lavoro, con ogni aggravio di spese di mora e interessi maturati, nei confronti del Dirigente inadempiente. Vorrei chiederLe due cose:
- se esiste un' indicazione precisa circa i limiti di tempo utili alla ricostruzione, o se sono esattamente diciotto mesi dalla presentazione della domanda;
- se nella scuola dove si presenta la domanda, qualora manchi il DSGA per mancata nomina o comunque per sede vacante e la qual cosa comporti il ritardo nella gestione della pratica di ricostruzione, è sempre il Dirigente a risponderne. In breve, pur mancando il DSGA, non "sarebbero problemi" del docente, ma esclusivamente responsabilità del Dirigente?
Un cordiale saluto.

Risposta


Confermo.