Chi ha ragione la scuola o il sindacato?

Fonte:
CulturaCattolica.it ©
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Gent.mo prof. Nicola Incampo,
sono una insegnante di IRC in ruolo dal 01/09/2005.
Le scrivo per sottoporre alla sua cortese attenzione una mia questione personale relativa al trattamento di buonuscita. Mi è stato riferito dalla segreteria della mia scuola che la suddetta mi spetta solo dall'anno scolastico 2000/01, secondo il mio sindacato invece mi spetta dall'anno scolastico 1992/93, per gli altri anni scolastici dovrei fare domanda di riscatto all'INPDAP al prezzo di Euro 20,00 circa.
Io insegno ininterrottamente dall'anno scolastico 1982/83 al 2004/2005, come incaricata annuale di RC. Precisamente dall'anno scol. 1982/83 all'anno Scol. 1988/89 alle scuole superiori con 7 ore di servizio al primo anno scol., 13 ore al 2° e 3° anno scol., 14-15 ore nei restanti anni (titolo di studio: oltre alla laurea in Pedagogia, diploma di cultura religiosa di grado superiore, rilasciato dalla Scuola Teologica della mia Diocesi.
Dall'anno Scolastico 1989/90 all'anno scol. 2004/05, sempre con un'alternanza di ore annuali di servizio pari a 14- 15-16 e 17 ore, (escluso l'anno Scol. 2000/01 con 18 ore) nella scuola Media e col titolo di Baccalaureato in sacra Teologia.
Dall'anno scolastico 2005/2006 sono entrata in ruolo come vincitrice di concorso pubblico nelle Scuole Medie.
Le chiedo prof. Incampo quale trattamento di fine rapporto mi spetterà?
Un altro dubbio: dall'anno/scol. 1969/70 al 1970/71 ho prestato servizio in qualità di supplente annuale di scuola materna col titolo specifico, retribuita fino al termine dell'attività didattica, cioè fino al 30 Giugno.
Questi due anni scolastici mi serviranno solo ai fini pensionistici o potranno essere inclusi negli anni pre-ruolo ai fini della buonuscita?
La ringrazio anticipatamente e le invio cordialmente i miei più sentiti auguri di buon Natale e felice anno nuovo.

Risposta


La Circolare dell’INPDAP dell’1 agosto 2002, n. 30, avente per oggetto: “Trattamento di fine rapporto” recita: “Il personale docente di religione, titolare di un contratto di lavoro rinnovato annualmente, per la particolarità della posizione giuridica rivestita, se già iscritto ai fini TFS mantiene tale iscrizione. Se il docente è assunto dopo il 31/12/2000 è in regime di TFR.”