Congedi parentali

Fonte:
CulturaCattolica.it ©
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Augurando buon Natale e ringraziando di cuore per il prezioso servizio prestato porgo la mia domanda: in una mail di qualche giorno fa sei intervenuto sui congedi parentali dicendo che i sei mesi di astensione facoltativa sono usufruibili solo fino ai tre anni del bambino. Ora la cosa (se ho capito bene) mi ha messo un pò in allarme perché avevo notizie diverse; a me risulta che i sei mesi facoltativi sono usufruibili fino agli otto anni del bambino, retribuiti al 30% dello stipendio fino ai tre anni, e 0 stipendio fino agli otto. Siccome alla mia quarta gravidanza sono rientrata senza usufruire dei mesi facoltativi perché avevo pensato di utilizzarli in caso di bisogno per le necessità della famiglia nei tempi a venire (ho 4 figli!) ed essendo allo scadere del terzo anno del bambino con ancora quattro mesi da godere mi sto preoccupando (come farò per l'inserimento alla materna? come farò quando i ragazzi si ammaleranno? etc. etc.).
Grazie per l'aiuto.

Risposta


Il tema dei congedi parentali è stato disciplinato dal contratto economico sul secondo biennio 2000-2001 in quanto la legge numero 53 dell’8 marzo 2000 prima e il Testo Unico sulla maternità poi avevano dato più organicità e più garanzie a tale materia.
Infatti il comma 1 dell’articolo 11 di detto Contratto recita testualmente:
“Al personale dipendente si applicano le vigente disposizioni in materia di tutela della maternità contenute nella legge numero 1204/1971, come modificata ed integrata dalle leggi numero 903/1977 e numero 53/2000”
La formulazione di detto comma non fa più distinzione di destinatari di contratto a tempo determinato e destinatari a tempo indeterminato, ma estende i benefici “Al personale dipendente”.
Infatti dal comma 2 in poi si farà sempre riferimento “alla lavoratrice”.
Questo significa che l’insegnante di religione cattolica pur essendo destinataria di contratto a tempo determinato gode degli stessi benefici delle insegnanti con contratto a tempo indeterminato.
Di conseguenza le insegnanti di religione lavoratrici madri avranno diritto:
  • Per l’astensione obbligatoria e/o astensione per complicanza della gestazione all’intera retribuzione e non più all’80%;
  • Per l’astensione facoltativa, che è di durata massima di sei mesi nei primi tre anni di vita del bambino, all’intera retribuzione nei primi trenta giorni e al 30% per il restante periodo;
  • Per la malattia del bambino all’intera retribuzione per un mese ogni anno fino al terzo anno di vita del bambino;
  • Per la malattia del figlio senza retribuzione 5 giorni all’anno per il figlio da 3 a otto anni.