Temporaneo distacco

Fonte:
CulturaCattolica.it©
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Gentile Nicola Incampo ho trovato la sua mail girovagando per la rete su questioni scolastiche. Avrei un quesito da porle. Ho partecipato ad un corso di formazione per tutor senior organizzato dall'Ufficio Scolastico Regionale dell’*** riguardo al nuovo progetto "Emergenza matematica" indetto direttamente dal Ministero e gestito per suo tramite dai vari USR. Nella convocazione ufficiale risulta chiaramente espresso: "i docenti individuati come tutor senior sono da considerarsi in servizio". Il mio Dirigente Scolastico però al rientro da tale giornata mi ha richiesto di compilare un permesso per aggiornamento o per ferie. Stessa procedura è avvenuta per la mia presenza al Nucleo di Valutazione progetti per "Scuole Aperte" organizzato dall'USR presso l'USP di ***. In questo caso non si configurerebbe nemmeno come corso di formazione, e mi ha chiesto di farlo figurare come giorno di ferie. Non penso che possa fare ciò, ma i dubbi relativi al contratto mi rimangono. Ritengo inoltre che in questi casi l'unico modo per controbattere sia una profonda conoscenza delle norme. Potrebbe perciò indicarmi le norme che regolano missioni di docenti per l'amministrazione centrale e cosa citare in un eventuale risposta scritta? La ringrazio per la cortesia.

Risposta


L’attività da te svolta si configura come temporaneo distacco per esigenze del Ministero. Queste giornate non sono da considerare né come ferie e/o permessi retribuiti, né come giornate da recuperare. Questo significa che dovrai documentare al tuo Dirigente scolastico non solo la tua partecipazione, ma anche la motivazione per cui ti è stata autorizzata la tua assenza.