Durante le mie ore curriculari…

Fonte:
CulturaCattolica.it ©
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Insegno RC nella scuola media. Durante le mie ore curricolari nella classe 1ª un alunno che non si avvale dell'insegnamento della religione cattolica si allontana per recarsi nella classe 2ª e partecipare all'ora di lezione del collega di lettere (precisamente l'ora di geografia) come materia alternativa. Tengo a precisare che nel mio plesso vi è solo 1 corso completo quindi una sola 1ª , una sola 2ª e una sola 3ª.
Tale decisione è stata presa dal preside.
Le chiedo gentilmente:
- secondo normativa a chi spetta l'insegnamento della materia alternativa e/o attività alternativa?
- le ore a disposizione dei docenti devono essere collocate preventivamente ad assolvere l'insegnamento della materia alternativa?
- quali obblighi deve avere il collega di lettere (partecipazione consiglio di classe, progetto per la materia alternativa, valutazione in itinere e finale etc...)?
- recente normativa di riferimento.

Risposta


Relativamente alla prima domanda faccio notare che la Circolare numero 316 del 28 ottobre 1987 chiarisce che i docenti delle attività alternative fanno parte del consiglio di classe e valutano solo gli alunni di loro competenza e non altri, così come avviene per il docente di religione cattolica e che gli stessi vengono individuati dal collegio dei docenti tenendo presente le competenze.
La suddetta circolare stabilisce ancora che i docenti delle attività alternative “debbono essere scelti tra quelli della scuola che non insegnano nella classe o nelle classi degli alunni interessati alla attività in parola, atteso che così viene assicurato per gli alunni avvalentesi e per quelli non avvalentesi, il rispetto del principio della ‘par condicio’.
Quanto poi alla seconda domanda rispondo che non esistono programmi precisi per l’attività alternativa emanati dal Ministero, ma è compito di ogni scuola definirli e in modo particolare del collegio dei docenti se trattasi di scuola media di primo e secondo grado, o dei consigli di interclasse se trattasi di scuola elementare.
Proprio perché i contenuti non sono prescrittivi, il Ministero ha suggerito alcune indicazioni con le seguenti Circolari:
• Circolare ministeriale numero 128 del 3.5.1986 avente per oggetto: “IRC e attività alternative nella scuola materna;
• Circolare ministeriale numero 129 del 3.5.1986 avente per oggetto: “IRC e attività alternative nella scuola Elementare;
• Circolare ministeriale numero 130 del 3.5.1986 avente per oggetto: “IRC e attività alternative nella scuola media;
• Circolare ministeriale numero 131 del 3.5.1986 avente per oggetto: “IRC e attività alternative nella scuola superiore.
Questo significa che bisogna rimodulare tutto secondo la norma.