A tutt'oggi il Baccellierato…

Fonte:
CulturaCattolica.it ©
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Prima di scriverti, avendo ricevuto una newsletter, ho dato un'occhiata al sito e tra le domande ho notato proprio l'ultima a cui hai risposto:
dicevi a quel signore che chi consegue il nuovo titolo dopo l'anno accademico 2009-2010 lo vedrà riconosciuto come laurea specialistica.
Questo vale anche per chi integrerà le materie del vecchio ISSR con il nuovo ordinamento?
La domanda di mio interesse è: a tutt'oggi il Baccellierato come viene considerato? Come si specifica questo titolo nelle domande di pubblico concorso visto che la dicitura non compare?
Anche le Università statali chiedono se il titolo è riconosciuto dallo Stato Italiano prima di valutarti i relativi credits per un passaggio nelle loro facoltà.
Come sai sto facendo un Master in Bioetica e Sessuologia, ma qui il titolo era ben riconosciuto perché specificato tra i titoli di idoneità. Non so per altri tipi di master s’è la stessa cosa.
Ho fatto domanda alla Sapienza per la laurea specialistica in Studi Storico-Religiosi ed Etno-Antropologici e mi sono stata posta proprio questa domanda: "... avrei innanzitutto bisogno di sapere se l'Istituto presso cui ha conseguito il Baccellierato è riconosciuto dallo Stato Italiano e inoltre quanti crediti erano assegnati a ciascuna materia".
Mi puoi delucidare?
Un abbraccio e sempre grazie per quello che fai.

Risposta


Per prima casa chiariamo che l’articolo 2 del DPR numero 175/94 così recita: “I titoli accademici di baccalaureato e di licenza nelle discipline ecclesiastiche di cui all’articolo 1, conferite dalle facoltà approvate dalla Santa Sede, sono riconosciuti, a richiesta degli interessati, rispettivamente come diploma universitario e come laurea con decreto del ministero della università…”
Questo significa che il titolo da te posseduto continuerà ad essere riconosciuto come diploma universitario.