Progetto Sirio e programmazione IRC

Fonte:
CulturaCattolica.it@
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Caro Nicola, vorrei sapere come e cosa fare per introdurre l'IRC nelle Scuole serali? Grazie per ciò che fai e per la tua disponibilità e competenza.

Risposta


Per prima cosa chiariamo che il progetto Sirio è nato come risposta ai bisogni di coloro che intendono frequentare un corso serale che proponga modelli e metodologie diversi da quelli previsti per gli studenti dei corsi diurni.
Questa iniziativa si caratterizza per la sua differenza con i programmi istituzionali, tanto da connotarsi come una vera e propria "seconda via" all'istruzione.
Con il progetto Sirio si vogliono raggiungere due obiettivi:
1. qualificare giovani e adulti privi di professionalità aggiornata per i quali la licenza media non costituisce più una garanzia dall'emarginazione culturale e lavorativa;
2. consentire la riconversione professionale di adulti già inseriti in ambito lavorativo che vogliono ripensare o devono ricomporre la propria identità professionale.
Fra i vantaggi della sperimentazione Sirio si individuano i seguenti:
a) orario settimanale di 26 ore
b) sabato libero
c) possibilità di esonero dalla frequenza delle lezioni nelle materie per le quali si è stati promossi in altri istituti.
Quanto poi alla programmazione della “Religione Cattolica” è il caso che tu tenga presente che la scuola assume sempre più, nel nostro Paese, una forte centralità nel processo educativo delle nuove generazioni.
Per far questo dovrà aprire gli orizzonti del sapere a tutte le esperienze umane, tenendo conto delle esigenze interiori e spirituali particolarmente vive nel mondo dei giovani. All’interno di questa prospettiva culturale e educativa si collocano tutte le discipline, e quindi a pieno titolo anche l’insegnamento della Religione, che mira a dare una risposta agli interrogativi esistenziali dell’uomo di ogni tempo, a offrire contenuti e strumenti specifici per una lettura della realtà storico-culturale in cui si vive, a contribuire alla formazione della coscienza morale e a offrire elementi per scelte consapevoli e responsabili. Gli obiettivi della disciplina sono: educare alla ricerca e alla rielaborazione personale dei significati dell’esistenza nell’incontro con l’esperienza religiosa; far comprendere il significato positivo del Cristianesimo in particolare e dell’esperienza religiosa in generale, nella storia dell’Italia, dell’Europa e dell’umanità.