Non avvalentesi in classe?

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Mi permetto di non essere d'accordo con quanto consiglia all'insegnante della scuola media che si trova costretta a tenere in classe chi ha scelto di non avvalersi dell'irc. E la mia domanda è questa: posso essere obbligata alla vigilanza degli alunni che hanno scelto di non avvalersi?
E quale legge dice questo?
Io sapevo di essere responsabile nelle mie ore di lezione frontale solo degli alunni che si avvalgono... e degli altri è preferibile la scelta di farli studiare in classi parallele.
Ci sono casi in cui questi alunni non si avvalgono perché ritengono di “guadagnare” un'ora nel non far niente... e spesso tendono a disturbare la lezione rimanendo in classe.
Saluti.

Risposta


Nessuno può obbligare un insegnante a tenere in classe i non avvalentesi, infatti questi per loro scelta hanno chiesto di fare altro durante l’ora di religione.
Certamente non è possibile mandare in classi parallele gli avvalentesi durante l’ora di religione.
Infatti per questo alunni la scuola deve attivarsi per organizzare le attività da loro scelte.
Per i non avvalentesi si deve organizzare la scuola.
Questo significa che la scuola non deve aspettarsi e non deve far ricadere niente sull’insegnante di religione.