40 ore e diritto allo studio

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Gentilissimo prof. Nicola Incampo, eccomi di nuovo a chiederle informazioni, data la Sua estrema disponibilità e competenza.
Volevo chiedeLe due quesiti:
- Ho un orario settimanale di 21 ore e mezza alla scuola primaria su due direzioni. Devo fare 80 ore (40+40 ore) suddivise tra le due direzioni? O, dato il mio orario non pieno, devo fare in tutto 70 ore?
- Sto frequentando 2 corsi annuali all'ISSR (sono iscritta come uditrice con esame): potrei avere diritto anche io alle 150 ore retribuite, anche se frequento solo 2 corsi annuali con esame?
La ringrazio anticipatamente!
Cordiali saluti!

Risposta


In riferimento alla prima domanda ti faccio notare che il Contratto prevede che “nella programmazione occorrerà tener conto degli oneri di servizio degli insegnanti con un numero di classi superiore a sei in modo da prevedere di massima un impegno non superiore alle quaranta ore annue" .
E’ opportuno tener presente che le quaranta ore si riferiscono non alle 18 ore settimanali dell’insegnante, ma al numero delle classi dove opera il docente.
Questo significa che, avendo “più di sei classi”, non dovrai superare le 40 are annue.
Questo significa che sei tenuto ad essere presente ai Collegi Docenti per un totale di 40 ore ed anche ad altre 40 ore per i Consigli di Classe sempre divisibili proporzionalmente tra le scuole dove presti servizio.
Ricordo infine che la partecipazione agli scrutini ed agli adempimenti connessi alla valutazione degli alunni è comunque obbligatoria.
Relativamente alla seconda domanda, cioè il diritto allo studio, io ti consiglio di far comunque domanda, l’importante che alleghi il certificato di iscrizione.