Chi ha scelto lo studio assistito può abbandonare l’Istituto?

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Gentile Nicola,
ancora per chiederti sulla regolarità o meno di certe scelte dirigenziali, prima che diventino prassi.
Gia dallo scorso anno il preside (secondaria di 2° grado) ha adottato la linea dura sulle adesioni “tardive” all'Irc: nel mese di settembre nessuno può chiedere di avvalersi della Religione, neppure se sono alunni e genitori insieme che lo chiedono. Passi questa scelta, in linea peraltro con le norme previste; il punto è che tutti gli alunni che si sono avvalsi della opzione “studio autonomo” o “assistito” sono fatti uscire un'ora prima o fatti entrare un'ora dopo, se Religione è all'ultima o alla prima ora.
E questo già dallo scorso anno. Io e la mia collega siamo entrambi di ruolo, io sto facendo l'anno di prova (a proposito, il dirigente non mi ha ancora assegnato il tutor, è regolare?) e intendiamo ribadire che le regole vanno rispettate in entrambi i casi, per chi si avvale e per chi no.
Qual è il tuo parere, tenendo conto che nella mia scuola riusciamo a celebrare ancora la Messa di precetto pasquale e nel Pof è presente, tra le altre, l'educazione religiosa, che ha come finalità anche attività di volontariato e visite a luoghi sacri?
Non ho bisogno di ricordarti la mia amicizia e il mio grazie.

Risposta


Per chi ha scelto, invece della frequenza all’ora di religione cattolica, lo “studio autonomo” o “assistito” è obbligato a stare a scuola e per nessun motivo può abbandonare l’edificio scolastico.
Questo significa che la scuola dovrà attivarsi affinché agli alunni non avvalentesi venga garantito lo spazio e i Docenti necessari.
Quanto poi al Tutor ti ricordo che il docente neo nominato in ruolo è tenuto a svolgere un periodo di prova chiamato anno di formazione.
In questo periodo è assistito da un docente designato dal Dirigente scolastico anche su proposta del Collegio docenti.
Ad ogni tutor non possono esser affidati più di due docenti.
Questo significa che non ti devi preoccupare proprio, perché la nomina del tutor è un atto dovuto e il Dirigente scolastico dovrà provvedere necessariamente.