Sistemi di valutazione scolastici

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


G.mo dott. Incampo,
le scrivo ancora riguardo il debito in IRC.
Condivido pienamente quanto da lei scritto.
Ma sottolineo che i sistemi di valutazione scolastici (SIS mi sembra) informatici per la compilazione dei voti agiscono in questo modo: se si mette una insufficienza in qualsiasi materia, l'alunno non viene promosso; se si mette “non sufficiente” in IRC appare solo in rosso la materia, ma l'alunno viene tranquillamente promosso.
Ovviamente non sarò io a mettere un voto insufficiente, ma nei sistemi informatici statali c'è qualcosa che non va.... un bug contro l'IRC? Si riscontrerebbe anche un altro problema: e chi frequenta materia alternativa? E chi non fa nulla? I sistemi informatici non prevedono nulla di tutto questo, a scapito di chi lavora di più.
La saluto cordialmente e la ringrazio.

Risposta


Per prima cosa chiariamo che si può essere promossi con debito formativo, cioè con insufficienza lieve, in una o più discipline.
Il numero delle discipline in insufficienza lieve viene stabilito dal Consiglio di Classe e dal Collegio dei Docenti quando è chiamato a deliberare sui criteri per la promozione alla classe successiva o all’ammissione all’esame.
Attualmente sono in vigore due normative: una antecedente a Fioroni e l’altra così detta Fioroni.
La normativa Fioroni si applica agli studenti che nell’anno scolastico 2006/07 frequentavano la classe terza del corso di studi quinquennale.
Detta normativa è molto severa, prevede l’obbligatorietà da parte dello studente di saldare il debito formativo ed in caso negativo prevede la non ammissione all’esame.
La normativa precedente è più flessibile, non impone l’obbligo del recupero e prevede la non ammissione alla classe successiva e agli esami solo su adeguata motivazione da parte del Consiglio di Classe.
E’ qust’ultimo infatti che decide, motivandola, la promozione o l’ammissione agli esami dello studente pur in presenza di valutazioni non sufficiente in una o più discipline.
Così stanno le cose.
La scuola si adegua e in dipendenza della serietà del Consiglio di Classe e del Collegio dei Docenti, i risultati possono essere più o meno equitativi e severi.
Una cosa è certa: non è il singolo docente che può promuovere o bocciare uno studente, anche in presenza di insufficienza grave.