Noi continueremo a far sentire la nostra voce

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Gentile prof. Incampo nell’occasione della compilazione delle graduatorie permanenti per classi di concorso diverse da quella di IRC (che per altro non esiste) consigliò di inserire il punteggio di sevizio di IRC, da quando siamo stati messi in ruolo, come servizio aspecifico. Tale servizio non è stato considerato valido, quindi non conteggiato. Le chiedo se è stato fatto un ricorso o è in corso un procedimento da parte dei “sindacati amici” (ci sono?) finalizzato al riconoscimento del servizio degli insegnanti di IRC al fine sopra descritto, i quali da quando è stato attivato il concorso non sono più a servizio della scuola solo a nome della Curia, ma anche perché riconosciuti “abili” dallo Stato.
La saluto cordialmente.

Risposta


Gli insegnanti di religione cattolica sono stati sempre dei professionisti formati dalla Chiesa e chiamati dallo Stato.
E questo a prescindere dal ruolo.
Quanto poi alla valutazione del servizio di religione cattolica nelle graduatorie ad esaurimento, non è stato preso in considerazione perché insegnamento appartenente a nessuna classe di concorso.
Come puoi constatare è un pretesto per non valutare il servizio.
Noi continueremo a far sentire la nostra voce, anche se via web.