Validità dell'ISSR

Vai a "Domande e Risposte"

Domanda


Sono una ragazza che ha conseguito il magistero in scienze religiose. Un'amica mi ha detto che è possibile far riconoscere dallo stato italiano il titolo accademico tramite una procedura, la stessa per il riconoscimento delle lauree in Italia. Per questo motivo il provveditorato non mi avrebbe mai riconosciuto tale titolo. È vero? Esiste tale procedura? E se sì qual è', come si fa e presso chi la dovrei presentare? Grazie arrivederci.

Risposta




Per prima cosa chiariamo che Il diploma accademico di Magistero in Scienze Religiose non è laurea, ma uno dei titoli professionali richiesti dal DPR 751 del 16 dicembre 1985 per poter insegnare religione cattolica nelle scuole pubbliche.
Il diploma accademico ISSR (Istituto Superiore di Scienze Religiose) abilita "esclusivamente all'insegnamento della religione cattolica" (Cfr. Consiglio di Stato - Adunanza della sezione seconda in data 1 aprile 1998 - Parere numero 365/98), per cui non è compreso nella tabella dei titoli validi ai fini del trasferimento per altre classi di concorso.
Ricordo inoltre che l'articolo 2 del DPR numero 175/94 così recita: "I titoli accademici di baccalaureato e di licenza nelle discipline ecclesiastiche di cui all'articolo 1 , conferite dalle facoltà approvate dalla Santa Sede, sono riconosciuti, a richiesta degli interessati, rispettivamente come diploma universitario e come laurea con decreto del ministero della università…"
Da quanto detto si evince chiaramente che il diploma accademico in scienze religiose non equivale a laurea riconosciuta dallo Stato italiano non perché non ha contenuti tali da essere riconosciuto laurea, ma perché le facoltà teologiche lo considerano preliminare al baccalaureato e alla licenza.