27 giugno 2004: Lettera del presidente di "Human Rights Watch" a Chavez

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Notizie dal Venezuela"



Letter from Human Rights Watch to Hugo Chavez

Your Excellency
Hugo Rafael Chávez Frías
Presidente de la República
República Bolivariana de Venezuela
Palacio de Miraflores
Caracas - VENEZUELA

De mi mayor consideración,

I have the honor of addressing your Excellency to express my profound concern by the reply of your Government to a report by Human Rights match about the threats against the independence of the judicial power in Venezuela that we presented a few days ago in Caracas. Instead of responding to the contents of that report, high Government officials resorted to a series of charges without foundation and absurd accusations against my person and the organization that I represent.
Our report entitled "Manipulating the rule of law: The independence of the judicial power threatened in Venezuela", examines the serious risks that affect the independence of the judicial power in Venezuela and its consequences on the rule of law. Specifically, it describes our concerns over the new law of the Supreme Court which was enacted last month. This law allows for a simple majority of the National Assembly to pack it with its supporters as well as purging the Court, undermining in this way the independence of the judicial system by jeans that violate fundamental principles of the Venezuelan Constitution and international human rights law. The report emphasizes that the political occupation of the Supreme Court will aggravate even more the lack of independence of judges, most of which do not enjoy any stability in their positions.

On the other hand, the report expresses that Venezuela is still on time to save the independence of the judicial system and with that end it recommends urgent measures that your Excellency and your supporters in the National Assembly should adopt to avoid a grave and irreparable harm to one of the powers of the state. Concretely, we believe that it is fundamental that the implementation of the new bill be postponed and that those articles that allow for the political control of the highest court of justice in Venezuela be voided.

We offered the opportunity to discuss our conclusions and recommendations directly to your Excellency and your main Ministers and listen to your points of view about this important matter. Because of this, before traveling to Venezuela we requested meetings with the Vice-President of Venezuela Jose Vicente Rangel, the Minister of the Interior and Justice, Lucas Rincon Romero, the Foreign Minister, Jesús Arnaldo Perez and your Excellency. Unfortunately, only the Foreign Minister accepted to meet with us, but cancelled the meeting hours before the time set for it.

The Foreign Minister, on top of that, pointed out that we had not traveled to Venezuela to "have a dialogue, but to make groundless accusations". Nevertheless, it was him that cancelled the meeting that we had established to discuss our report. In the mean time, Vice President Rangel, who also abstained himself from establishing a dialog with Human Rights Watch, and even without knowing the contents of our report, responded with insults and qualifications such as "mercenaries at the service of imperial powers" and "spokesmen for the Government of George Bush" even reaching the point of inventing connections with the intelligence services of Pinochet.

The groundless charges by the Vice President against human Rights Watch and I, in the sense that we represent the interest of the Government of the United States have to amaze anyone with elementary information about developments at the international level. For more than 20 years Human Rights Watch has been one of the most rigorous critics of US policies that affect the protection of human rights. Since George Bush became President we have produced 27 reports which document human rights violations, compared with two reports on Venezuela that have been published in the same period of time. These reports about the US, among other matters, criticize the current Government for the treatment to the prisoners of war and presumed terrorists detained in Guantanamo and other part of the world. At the time, also we criticized the statements by the Bush administration when he made your Excellency responsible for the coup in April 2002.

The most recent accusations of your Vice President against me, about the supposed links with the police of general Pinochet, are equally infamous. For more than 20 years I have actively participated in initiatives to take to Justice Mr. Pinochet and members of his security services for the atrocities committed during the military dictatorship. Mi compromise in the defense e of human rights in Chile and the hemisphere is a matter in the public domain.

The offenses of the Vice-President not only reflect, in the best of cases, a profound ignorant on his part, but gravely affect the credibility of your own Government in front of the international community. I hope your Excellency Hill publicly repudiate these statements and recommend to him that he abstain from making similar accusations in the future.

We trust that your Excellency and the more reasonable members of your Government opt for taking care in a responsible and effective manner our grave charges that we have made in our report and that you adopt measures in the short term to avoid the political control over the judicial power. In that respect, I would like to reiterate our disposition to establish a respectful and constructive dialogue with the authorities of your Excellency's Government.

Respectfully,

José Miguel Vivanco

Lettera dall'Human Rights Watch a Hugo Chavez

Vostra Eccellenza
Hugo Rafael Chávez Frías
Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela
Palazzo Miraflores
Caracas - VENEZUELA

Con la mia più grande considerazione.

Ho l'onore di rivolgermi alla Vostra Eccellenza per esprimere la mia profonda preoccupazione per la risposta del Vostro Governo a un rapporto dei Diritti Umani, sulle minacce contro l'indipendenza della potenza giudiziaria in Venezuela, che abbiamo presentato, alcuni giorni fa, a Caracas. Invece di rispondere sul contenuto di quel rapporto, gli alti funzionari del Governo sono ricorsi ad una serie di pretesti senza fondamento, e accuse assurde contro la mia persona e l'organizzazione che rappresento.

Il nostro rapporto, intitolato: "Manipolando la regola di legge: L'Indipendenza della potenza giudiziaria minacciata in Venezuela", esamina i gravi pericoli che interessa l'indipendenza della potenza giudiziaria in Venezuela, e le sue conseguenze, sulla regola della legge. In modo particolare, esso descrive la nostra preoccupazione sulla nuova legge della Corte Suprema che, la stessa, ha emanato lo scorso mese. Questa legge permette una maggioranza semplice dell'Assemblea Nazionale di comprimere i suoi con sostenitori, come pure con il purgarsi della Corte, scalzando in questo modo, l'indipendenza del sistema giudiziario, con mezzi che violano i principi fondamentali della Costituzione Venezuelana e la Legge dei Diritti Umani internazionale. Il rapporto mette in evidenza che l'occupazione politica della Corte Suprema rischia di aggravare, ancora di più, la mancanza di indipendenza nel giudicare, più che di non potersi giovare di qualunque stabilità, o scelta, nella loro posizione.

D'altro canto, il rapporto esprime che il Venezuela sia ancora in tempo per salvare l'indipendenza del sistema giudiziario e, proprio per questo fine, raccomanda misure urgenti, come quella del Vice Presidente del Venezuela, Jose Vicente Rangel, il Ministro degli Interni e Giustizia, Lucas Rincon Romero, il Ministro degli Esteri, Jesús Arnaldo Perez,, che si dovrebbero adottare, per evitare un danno grave e irreparabile, verso la comunità Venezuelana.

Concretamente, crediamo che sia fondamentale che la realizzazione del nuovo incontro sia rimandata, affinché quegli articoli che permettono il controllo politico della Corte più alta di Giustizia, in Venezuela, siano svuotati. Vi offriamo l'opportunità di discutere le nostre conclusioni e le nostre raccomandazioni, direttamente a Vostra Eccellenza e al Vostro Ministro principale, e ascoltare i Vostri punti di vista, su questo argomento così importante.

A causa di questo, prima percorrenza in Venezuela, abbiamo richiesto una riunione con il Vice Presidente del Venezuela, Jose Vicente Rangel, il Ministro dell'Interno e della Giustizia, Lucas Rincon Romero, il Ministro degli Esteri, Jesús Arnaldo Perez, e con Vostra Eccellenza stessa. Sfortunatamente, solo il Ministro degli Esteri ha accettato di incontrasi con noi, ma ha cancellato le ore di riunione, prima che il tempo si muovesse per esso.

Il Ministro degli Esteri, in cima a quello, ha indicato che non eravamo andati in Venezuela per "avere un dialogo, ma per fare accuse infondate". Tuttavia, è stato lui stesso che ha cancellato la riunione che avevamo stabilito per discutere il nostro rapporto. Nel tempo medio, il Vice Presidente stesso, Rangel, si è anche, orgogliosamente astenuto, di confrontarsi sugli sviluppi dei diritti umani, a livello internazionale. Anzi, senza conoscere il contenuto del nostro rapporto, ha risposto con insulti e con epiteti, come "mercenari al servizio di potenze imperiali" e "portavoce per il governo di George W. Bush", raggiungendo il punto massimo, cioè quello di inventare collegamenti con i servizi segreti di Pinochet.

Gli addebiti infondati del Vice Presidente, contro il time di Diritto Umano e verso di me, nel senso di cui rappresentiamo l'interesse del Governo, gli Stati Uniti, devono stupire chiunque, con informazioni elementari sugli sviluppi a livello internazionale. Per più di 20 anni, l'équipe di Diritto Umano ha fatto suo, uno dei criteri più rigorosi di politiche americane, che influiscono a raddrizzare la protezione di ogni essere umano.

Da quando George W. Bush è diventato Presidente, abbiamo prodotto 27 rapporti, che documentano violazioni ai diritti umani, confrontati con due rapporti sul Venezuela, che sono stati pubblicati nello stesso periodo di tempo. Questi rapporti sugli Stati Uniti, tra altri argomenti, criticano il Governo corrente per il trattamento dei prigionieri di guerra e ai supposti terroristi, detenuti in Guantanamo, e in altre parti del mondo. Al momento, anche noi, abbiamo criticato lo Stato dell'amministrazione Bush, quando egli si è reso responsabile, verso Vostra Eccellenza, del colpo dell'Aprile 2002.

Le accuse più recenti, del Vostro Vice Presidente contro di me, che hanno supposto di collegare il generale Pinochet e gli stessi membri dei servizi segreti, per le atrocità comminate durante la dittatura militare, sono ugualmente infamanti. Per più di 20 anni, della mia attività, ho partecipato a iniziative per portare alla dovuta giustizia il signor Pinochet, e i membri dei suoi servizi di sicurezza, per i suddetti reiterati crimini. Mi sono altresì adoperato e compromesso, per meglio salvaguardare la difesa dei diritti umani in Cile e, ovunque, nell'emisfero, si presentano argomenti di dominio pubblico.

Le violazioni del Vice Presidente, non solo riflettono, nei migliori dei casi, una profonda ignoranza sulla sua statura morale, ma influiscono gravemente sulla credibilità del Governo, sia all'interno del Venezuela che davanti alla comunità internazionale. Spero che Vostra Eccellenza, vorrà pubblicamente respingere queste dichiarazioni e raccomandare allo stesso, di volersi astenere, per il futuro, dall'emettere simili accuse.

Noi confidiamo che Vostra Eccellenza e i membri più ragionevoli del Vostro Governo, optino per prendersi cura, in modo responsabile ed efficace, affinché sia fatto ciò che il nostro rapporto auspica, e che, nel più breve termine, provvediate ad adottare le opportune misure, onde evitare il controllo politico sopra la potenza giudiziaria.

In questo rispetto, con piacere siamo pronti a reiterare la nostra disposizione a stabilire un dialogo rispettoso e costruttivo con le autorità del Vostro Governo e, personalmente, con Vostra Eccellenza.

Rispettosamente,

José Miguel Vivanco

(nostra traduzione. CZ)