15 agosto 2004: Giorno delle votazioni per il Referendum Revocatorio

Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Notizie dal Venezuela"



Caracas, 15 Agosto 2004

Sono arrivata venerdì pomeriggio e ho trovato una Caracas tappezzata di locandine: rosse, che proclamano il NO, e azzurre, molto più piccole, che proclamano il SI; appese su lampioni, muri degli edifici, anche su diversi balconi privati...

Si respira aria di festa. La gente è in stato di eccitazione, dovuta alla speranza accesasi per la vittoria, che si profila schiacciante: i sondaggi parlano di circa un milione di voti di differenza per il SI, ma, soprattutto, per il fondato timore e, anche, all'agitazione delle possibili sorprese: pericolo di frode, che ci potrebbero essere, o sulla probabile reazione dei Circoli Bolivariani, che minacciano di provocare disordini, caos e incutere paura, mentre la gente vota.

Alle 3 di notte sono iniziati dei botti, nella zona est di Caracas. Botti che sono durati circa un quarto d'ora. Alle 4:30, le macchine hanno cominciato a circolare per raggiungere i diversi centri di raccolta dei voti, e permettere così, agli aventi diritto, di mettersi pazientemente in fila, in attesa del proprio turno.

Io mi sto preparando. Anche se le code potranno durare più di 4 ore, come è stato avvisato, non importa. La nostra LIBERTÀ se lo merita!

A dopo.

Leonella Olivieri