2020 02 12 Qualcuno si accorgerà dei martiri?

NIGER - “La dittatura del jihad si è installata a 100 km dalla capitale”, denuncia un missionario PAKISTAN - A proposito di HUMA (il silenzio assordante)
Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Cristiani perseguitati. Memoria e preghiera"

NIGER - “La dittatura del jihad si è installata a 100 km dalla capitale”, denuncia un missionario

“La visione apocalittica ha messo le sue radici a poco più di cento chilometri da Niamey. È questo il messaggio, accompagnato dalla prassi, dei missionari del jihad che opera al confine col Burkina Faso, in zona Gourmantché: convertitevi perché il tempo è compiuto” riferisce all’Agenzia Fides p. Mauro Armanino, missionario della Società delle Missioni Africane (SMA) che opera in Niger.

“L’ultimo attacco in ordine di tempo è avvenuto nei pressi di Bomoanga, il villaggio dove il 17 settembre è stato rapito Pierluigi Maccalli (vedi Fides 18/9/2018), e risale alla sera del 5 febbraio. Almeno sei giovani armati in bicicletta hanno circondato, interrogato e poi frustato l’incauto tagliatore di alberi” dice p. Armanino. “Poco lontano hanno scoperto un suo amico col tabacco in tasca e, dopo aver bruciato il tabacco l’hanno minacciato di una punizione ben peggiore se l’avessero ancora sorpreso fumando” prosegue il missionario.
“Fortuna volle che il presidente della locale sezione dei genitori degli alunni fosse assente o nascosto. La sua moto è stata bruciata assieme al materiale scolastico e rubato il denaro che teneva nel negozietto informale che gestiva. Il presidente è scappato altrove, così come altre decine di famiglie, bambini delle elementari e adolescenti delle superiori. La maggior parte ha trovato rifugio nella meglio difesa cittadina di Makalondi a una quarantina di chilometri dal villaggio citato”.

Secondo p. Mauro i jihadisti hanno “invitato gli abitanti a mettere in pratica quanto, secondo loro, è statuato dal profeta dell’Islam: niente feste, alcool, tabacco, taglio di alberi, scuole occidentali e cristiani.
Le donne andranno velate e ciò le proteggerà da qualunque sopruso e così saranno protetti i bambini. Sono risparmiati dalla distruzione i centri di salute o dispensari perché, dicono, curando e nutrendo i bimbi si prepara il futuro dell’islamizzazione”.

Il missionario dice che i cristiani locali sono costretti a “pregare nelle case, nelle famiglie e di nascosto coi vicini ‘sicuri’, in un Paese che formalmente riconosce la libertà di religione, di culto e di lingua”.

“Si è installata una dittatura chiamata Jihad che rimodella stili di vita, opzioni, scelte quotidiane e soprattutto instilla la paura come condizione per raggiungere l’obiettivo prefissato fin dal rapimento di p. Pierluigi: sradicare l’avventura cristiana dal suolo del popolo Gourmantché” denuncia il missionario.

“I jihadisti presenti nella zona, di etnia fulani, parlano il fulfulde, lingua che tutti nella zona capiscono perché agricoltori e pastori hanno avuto contatti e conflitti costanti”.
“Quanto allo Stato, entità poco visibile nelle campagne dove vivono i poveri contadini di seconda categoria, era scomparso ancora prima che tutte queste cose accadessero. Assente prima e assente adesso malgrado i militari siano poco lontani dalle zone citate. Ci troviamo a poco più di cento chilometri da Niamey, la capitale del Paese, dove si trova la cattedrale cattolica dedicata a Maria, Madre del Perpetuo Soccorso” conclude.
(M.A.) (L.M.) (Agenzia Fides 7/2/2020)

A proposito di HUMA

Ogni anno oltre mille sono le ragazze – cristiane e indù – che vengono rapite, violentate, convertite forzatamente all’islam e costrette a sposarsi un adulto musulmano. Una vera e propria barbarie che si compie con la chiara complicità delle autorità.
Se qualcuno avesse dei dubbi, si vada a rivedere cosa è successo lunedì 3 febbraio, quando l’Alta Corte del Sindh ha deciso che il matrimonio di una 14enne cristiana con un musulmano – malgrado rapimento, violenza e tutto il resto – è valido.
Era il primo caso del genere che – grazie ad Aiuto alla Chiesa che soffre - arrivava in tribunale, e i giudici in Pakistan hanno dimostrato di decidere in base alla sharìa e non alla legge formale che pure vieta il matrimonio con minorenni.

È una barbarie, uno scandalo enorme, una vergogna. Ma in Occidente la notizia ha fatto fatica a guadagnarsi qualche riga.

(…) politici e governanti. Sarebbe tutto sommato semplice mettere il Pakistan davanti alle proprie responsabilità: basterebbe minacciare di sospendere gli aiuti allo sviluppo o il sistema tariffario agevolato grazie al quale Islamabad può commerciare con l’Europa a condizioni di favore. In fondo il rispetto dei diritti umani è la condizione per accedere a questi aiuti. Ma evidentemente anche questa è una forma di ipocrisia, in realtà dei diritti umani non importa nulla a nessuno, le uniche cause che fanno fremere l’Europa sono i diritti gay e l’aborto. E dove sono quei politici che urlano a difesa dei simboli cristiani, ma non fanno un solo gesto concreto per difendere i principi sociali fondamentali, eredità di una visione cristiana? Nessuno che si faccia sentire, nessuno che prenda un’iniziativa politica concreta.
Il Pakistan può continuare tranquillamente a perseguitare i cristiani, a favorire il rapimento e lo stupro delle ragazze cristiane, a uccidere chi chiede di non essere discriminato come cittadino di serie B. In Europa e in Italia può contare su molti complici.
(Riccardo Cascioli LNBQ 06 02 2020)