Parliamone insieme

In questa sezione del sito sarà possibile da oggi porre domande o comunque proporre osservazioni su quanto pubblicato nelle sezioni "Chi è" "giorno per giorno" e "da ricordare".
Cominciamo con un messaggio che pone la questione del nome (e non solo).
S. infatti scrive:
"Ho guardato il sito di cultura cattolica e devo dire che il nome marciapiedaio non mi piace molto. Forse questo nome vuole designare il cosiddetto uomo della strada che utilizza saggezza, semplicità, praticità ed esperienza per affrontare la vita ma il contenuto di ciò che scrivi sembra più il pensiero di un colto intellettuale fondamentalista che un semplice uomo della strada.
Mi sembra che l'uomo della strada debba attenersi non alle regole del diritto romano ma allʼ“Ama il prossimo tuo come te stesso”-
Risposta:
Cara S. la tua osservazione riguarda tre questioni: a) il nome b) la coerenza tra i propositi e la realizzazione c) il comportamento del Marciapiedaio (diritto o regola aurea?)
Per quanto riguarda il nome hai colto un aspetto importante quello della vicinanza al sentimento comune, ma forse ti sfugge il fatto che il Marciapiedaio ricerca sempre la verità delle cose ed è molto attento alle elaborazioni di chi se ne occupa. Non ha il tempo e la possibilità materiale di essere sistematico e completo e per questo dichiara la sua posizione in quanto riferita ad alcune fonti che gli sembrano significative. Naturalmente quello che propone è il coraggio della selezione di notizie e l'apertura al dialogo con chi è alla ricerca. Dunque terrei il termine Marciapiedaio per indicare la distanza metodologica dal mondo accademico e la vicinanza con la sapienza popolare.
Per il secondo punto (la coerenza tra intenzione e realizzazione) accetto la tua osservazione critica e cercherò di essere più chiaro e comprensibile, rimanendo ferma la risposta alla questione precedente. Per la terza questione (diritto o regola aurea) sono d'accordo con te: la regola aurea è la norma di comportamento a livello della relazione personale con l'altro, mentre il riferimento al diritto riguarda il rapporto con gli altri nelle istituzioni sociali.